Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
20 mag 2022

La Solvay deve essere ambientalizzata

20 mag 2022
maurizio
Cronaca

Maurizio

Marchi*

E’ contro i lavoratori chi - come i sindacati - vogliono mantenere la vecchia fabbrica

così com’è: inquinante e dissipatrice di risorse naturali.

A destare preoccupazione sono proprio i sindacati

della Rsu Solvay. Nessuno vuol chiudere la Solvay di

Rosignano, né a Londra né nella zona. La vogliamo ambientalizzare. Quanto all’affermazione di RSU “ Non

c’è alcun dubbio che i nostri effluenti siano sicuri” che dire sulle dichiarazioni ufficiali di Solvay al Registro

europeo delle emissioni che lo stabilimento, unico in Europa, scarica in mare ogni anno (dichiarazione

2017) quasi 4 tonn di arsenico, 141 kg di cadmio, quasi 4 tonn di cromo, quasi 2 tonn di rame, 60 kg di mercurio, 23 tonn di zinco, quasi 7 tonn di piombo, oltre ad altri metalli pesanti, e ben 890.000 tonn di

cloruri, cioè salgemma prezioso, quasi la metà di quello estratto dal sottosuolo volterrano con acqua dolce.

E che dire della nuova Aia a Solvay fino al 2034, senza prescrizioni di minore inquinamento marino.

Avevamo apprezzato le dichiarazioni del nuovo direttore Dugenetay ’sulla volontà di potenziare

la ricerca per produrre energia green, i processi di elettrolisi e quindi la produzione di idrogeno verde. Abbiamo presentato progetti associati alla produzione di idrogeno per il Pnrr e stiamo aspettando risposte. Stiamo lavorando a progetti di potenziamento per sfruttare energia solare ed eolica con l’obiettivo di avere

soluzioni energetiche senza emissioni. In Francia abbiamo portato avanti un piano di investimenti di tre

anni e a Rosignano contiamo di completare la transizione energetica entro il 2026’.

Passare dalla combustione del metano per produrre energia elettrica a Rosignano all’idrogeno sarebbe un

passo avanti notevolissimo per azzerare l’inquinamento atmosferico e per liberarci dal gas russo ed africano. Ovviamente aspettiamo i fatti, dopo gli annunci. Sarebbe il caso che anche le Rsu si impegnassero in questo senso.

* Medicina Democratica

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?