Ladri in azione
Ladri in azione

Pisa, 16 maggio 2019 - Stesso modo di operare, medesima Skoda rossa avvistata e segnalata dai testimoni. E’ caccia alla banda (esterna) che ha fatto razzia sul litorale e che sarebbe responsabile dei due raid che hanno scosso il litorale nei giorni scorsi. Sarebbe formata da quattro giovani. Sono i carabinieri a indagare su questi furti con spaccata che hanno fatto danni in molte attività commerciali e creato un clima di tensione alla vigilia della stagione balneare.

Tanto da indurre la Prefettura, sulla spinta di richieste dei comitati e delle associazioni di categoria, a rafforzare i controlli proprio sulla nostra costa. Una decisione presa all’interno di una riunione del comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica, alla quale hanno partecipato il sindaco di Pisa, Michele Conti, l’assessore alla Sicurezza, Giovanna Bonanno, il questore di Pisa, Paolo Rossi, il comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Nicola Bellafante, il comandante provinciale della guardia di Finanza, colonnello Giancarlo Franzese; presente anche il comandante della polizia municipale, Michele Stefanelli.

«Nel solco dell’iniziativa ministeriale estate sicura», ha detto il prefetto Castaldo, l’obiettivo è «mettere in campo per la stagione estiva il maggior numero di forze possibili e anche di militari al fine di assicurare ai turisti, alle attività commerciali e in genere ai frequentatori dei lidi pisani migliori condizioni di sicurezza e vivibilità». Verifiche specifiche saranno svolte «per contrastare l’abusivismo commerciale e la vendita di merce contraffatta».

Testimonianze e telecamere. Gli uomini dell’Arma hanno passato al setaccio le immagini della videosorveglianza dove si vedrebbero i quattro durante i blitz nei vari negozi fra Marina e Tirrenia e si sentirebbero anche le loro voci. Adesso si cercherà il gruppo fra le conoscenze delle forze dell’ordine.

antonia casini