Pisa, 11 luglio 2018 - E’stato un dipendente aeroportuale pisano ad annunciare al mondo che la trattativa calcistica del secolo era davvero a un passo dalla conclusione. Stefano Franchino, 53 anni, ieri mattina, appena arrivato al lavoro, come sempre, ha controllato i voli in partenza, compresi quelli privati, e la sua attenzione di tifoso juventino si è concentrata subito su quell’aerotaxi diretto a Kalamata, in Grecia, sul Peloponneso, a due passi da dove si trova Cristiano Ronaldo: scoprire la verità è stato semplice. Gli è stato sufficiente scambiare qualche informazione in più con i colleghi e capire che sì, il gran giorno per i tifosi bianconeri era arrivato.

«APPENA saputo che su quel volo ci sarebbe salito Andrea Agnelli e il suo staff – racconta Franchino – sono uscito sul piazzale e ho scattato qualche foto-ricordo. Sono tifoso bianconero da sempre, abbonato allo Stadium e membro dello Juventus Club di Massa, il mitico Jcm, uno dei più antichi. Insomma volevo fare qualche fotografia da appassionato, ma non credevo che sarei finito in un attimo al centro dell’attenzione planetaria». Già, perché subito dopo avere postato sul suo profilo Facebook la foto e il suo commento (poi rimosso) gli sono piovute centinaia di richieste di amicizia da ogni angolo del pianeta: «Perfino dall’Indonesia – dice il dipendente aeroportuale – mi hanno chiesto notizie e anche un giornale arabo voleva saperne di più. E poi quasi tutte le principali testate italiane, migliaia di tifosi che chiedevano i miei contatti. Per ritrovare un po’ di serenità ho preferito togliere il post. Certo, non era difficile capire che se Agnelli aveva deciso di noleggiare un aereo per raggiungere CR7 e incontrarlo, la firma era proprio vicina». «Ma sono stato io – esclama orgoglioso Stefano – a regalare a tutti i tifosi bianconeri sparsi per il mondo che l’affare era davvero fatto e che il nostro sogno stava diventando realtà».

L’ASSISTENZA al volo del presidente della Juventus è stata fatta dalla Delta Aerotaxi, che mantiene il massimo riserbo sui dettagli del viaggio. Si sa solo che l’aereo è stato noleggiato in mattinata e che Andrea Agnelli ha raggiunto Pisa a bordo di un pulmino da Forte dei Marmi, dove stava trascorrendo un soggiorno di vacanza. Il volo di ritorno non è ancora stato pianificato e non si sa se Agnelli farà scalo a Pisa o in altri aeroporti nazionali. E soprattutto se convincerà uno dei campioni più titolati al mondo e della storia del calcio a seguirlo proprio in Versilia, magari dopo una visita privatissima e blindatissima alla Piazza dei Miracoli, scrigno di tesori senza tempo e famosa quanto (se non di più) i gol del bomber portoghese.

Gab. Mas.