La campionessa paralimpica Sara Morganti con l'assessore alla disabilità Rosanna Cardia
La campionessa paralimpica Sara Morganti con l'assessore alla disabilità Rosanna Cardia

Pisa, 2 dicembre 2018 - L'appuntamento è lunedì 3 dicembre dalle 16.30 in poi nell'atrio di Palazzo Gambacorti dove sarà festeggiata la giornata internazionale delle persone con disabilità.

Presenti oltre alle istituzioni (il sindaco Conti, l'assessore Cardia e il presidente di commissione Lazzeri), la garante dei disabili Lia Sacchini, il comitato paralimpico di scherma, Sara Morganti, campionessa paralimpica e molte delle associazioni del territorio che si occupano di disabilità: Anmic, Aipd, Le Vele, coordinamento Caregivers, Autismo Pisa, Eppursimuove, SuperAbile e Alba.

Tra le iniziative, la presentazione del libro "Diversamente amore" edito Mds. Un momento ideato dall'assessore alla disabilità Rosanna Cardia: "Il sindaco mi ha conferito questa delega specifica sulla disabilità che è una sottolineatura dell’importanza che da adesso riconosceremo a questo settore. Il mio impegno, come scritto nel programma di mandato, sarà centrato sul dare forza a progetti che garantiscano sempre più l’inclusione della persona disabile a partire dalla costruzione di una vera vita autonoma e indipendente. Questo ha come presupposto fondamentale la possibilità di rendere la città più accessibile, almeno nei luoghi essenziali che sono quelli dei servizi ma anche del divertimento e del tempo libero, e di favorire percorsi individualizzati di inserimento lavorativo e dare sviluppo a tutte le occasioni di socializzazione, scambio e partecipazione".

"Intanto - prosegue Cardia - cominciamo con questa giornata, fatta, pensata e organizzata direttamente insieme ad alcune associazioni del territorio con cui si è costruita un’ottima intesa, un reciproco contagio di entusiasmo e passione. Ho pensato di allestire questo evento nell’atrio del Comune, cioè nel cuore della città e nel luogo dei cittadini, per promuovere un sentimento di partecipazione vitale esteso a tutta la cittadinanza e per dare visibilità a queste associazioni che ci racconteranno i loro progetti e i loro impegni per assicurare una vita migliore possibile alle persone con disabilità e ai loro familiari. Ognuna di queste associazioni scelte si caratterizza per ambiti diversi e attività particolari e penso che poterle ascoltare insieme sia il modo migliore per rendersi conto di quanto viene fatto e di quanto si potrà fare ancora. Accarezzo il desiderio che questa iniziativa sia una prima sperimentazione per poter organizzare qualcosa di simile ma anche più esteso per gli anni prossimi. Mi piace infine sottolineare che l’organizzazione di questa giornata è stata costruita tutta unicamente con le risorse messe a disposizione dalle associazioni e ovviamente con la passione e la determinazione mia e dei miei collaboratori".