Una corsa podistica (Foto di repertorio)
Una corsa podistica (Foto di repertorio)

Montecatini Terme, 9 luglio 2020 - Fare sport di squadra e di contatto a livello amatoriale non è momentaneamente possibile col Covid-19. Il Cts dovrebbe dare norme e regole a riguardo, purtroppo ancora non pronte. Nascono così grossi problemi, legati pure all’importanza che lo sport ha in ambito sociale. Tra i vari soggetti colpiti da tutto ciò vi è pure la Uisp di Pistoia, che sta cercando di capire come venirne a capo. Il suo presidente Nicola Tesi ha così illustrato i vari problemi, soprattutto economici, che sta gestendo "Purtroppo siamo un comitato che viene da una fase di risanamento. Le nostre casse sono vuote, e quindi lavoriamo per comprimere le cose che vanno fatte. Ho rinunciato a tre mesi di stipendio, per salvaguardare la Uisp e per dare il giusto esempio. Anche i nostri dipendenti sono stati in cassa integrazione. Abbiamo oneri di gestioni, delle sedi e dei mutui da pagare.

Di sicuro avremo un calo dei tesserati e delle attività. Rispetto a 5 anni fa quando mi sono insediato ed avevamo un disavanzo superiore ai 300mila euro, oggi siamo arrivati a un passivo di 60mila euro. Abbiamo fatto tanto per risanarlo, ma il Covid-19 ha scombussolato i nostri piani, e probabilmente non riusciremo a raggiungere questo obiettivo. Però farò di tutto per lasciarlo con le migliori basi possibili. Questa crisi ha avuto poi un grosso impatto sociale. Molte collaborazioni le abbiamo interrotte, e alle persone che se ne occupavano abbiamo fatto fare la richiesta dei 600 euro. Li abbiamo seguiti da vicino, e ad ora tutti quelli che hanno fatto la domanda, li hanno ricevuti. Per gestire gli impianti sportivi ci aiutano inoltre tante persone pensionate o disagiate, che col nostro contributo mensile, riescono a fare qualcosa.

Non va nemmeno dimenticato l’importante attività che facciamo nelle carceri, con gli anziani e coi centri estivi, purtroppo saltate col Covid-19". Tesi ha elogiato e ringraziato per l’aiuto ricevuto i Comuni locali, tra cui quello di Massa e Cozzile che "ci ha riconosciuto maggiori oneri legati al Covid-19, compensando così una serie di costi con una variazione di bilancio importante", e quelli di Serravalle Pistoiese, di Pieve a Nievole e di Pistoia, che "quando si è avuto bisogno di una disponibilità sui pagamenti dei contributi a noi dovuti, sono sempre stati disponibilissimi". Sul futuro prossimo del suo comitato, queste sono state le sue parole "A settembre siamo fiduciosi di poter fare attività, anche se una soluzione vera e propria ci sarà quando avremo il vaccino contro il Covid-19. Solamente tenendo i comportamenti più corretti, si potrà far bene. Noi come Uisp ci stiamo muovendo, per poter agevolare la ripresa dei campionati di calcio, di pallacanestro, delle corse di atletica e delle altre attività che seguiamo. Stiamo cercando di dare gratis l’affiliazione di base, ovvero quella fino a 20 tesserati, alle nostre società. Poi faremo un consiglio verso la fine di luglio, per capire che ulteriori risorse abbiamo. Ci aspettiamo una stagione che partirà con tanto scetticismo, in cui cercheremo di aiutare tutti, sapendo benissimo però che ci so no dei costi ed un bilancio da tenere sempre sott’occhio".
Simone Lo Iacono