L’albero caduto ieri pomeriggio sul viale Bustichini: è stato il momento più critico di un pomeriggio difficile per il violento temporale (. Foto Goiorani)
L’albero caduto ieri pomeriggio sul viale Bustichini: è stato il momento più critico di un pomeriggio difficile per il violento temporale (. Foto Goiorani)
"Ho voluto esprimere di persona la solidarietà del Comune ai montecatinesi più colpiti dall’alluvione di domenica, anche per capire come possiamo aiutarli nel miglior modo. Tutta la Toscana, in alcune zone ben più di noi, è stata colpita da un evento atmosferico eccezionale. Per il futuro, quando gli esperti ci diranno che qualche albero potrebbe cadere, interverremo...

"Ho voluto esprimere di persona la solidarietà del Comune ai montecatinesi più colpiti dall’alluvione di domenica, anche per capire come possiamo aiutarli nel miglior modo. Tutta la Toscana, in alcune zone ben più di noi, è stata colpita da un evento atmosferico eccezionale. Per il futuro, quando gli esperti ci diranno che qualche albero potrebbe cadere, interverremo subito. La sicurezza della gente viene prima di tutto". Il sindaco Luca Baroncini, ieri, ha visitato i luoghi dove la bufera avvenuta quarant’otto ore fa ha prodotto maggiori danni. Lungo viale Bustichini è stata sfiorata la tragedia, a causa della caduta di alcuni vecchi pini. La sostituzione delle alberature lungo la grande strada è iniziata da alcuni anni, già prima dell’arrivo di Baroncini, ma solo l’assenza di persone lungo i marciapiedi, domenica, ha impedito che qualcuno rimanesse travolto dai pini crollati. Il sindaco è salito anche a Montecatini Alto, dove il terribile nubifragio, ha prodotto alcuni danni alla chiesa e nella piazza principale del paese. Qui si trovano numerosi locali che, proprio in questo periodo dell’anno, lavorano di più grazie ai turisti che salgono al Castello, magari in funicolare, per fare merenda o prendere un aperitivo dopo cena. Il tour del sindaco si è concluso a Termeland, il parco giochi che, da circa vent’anni, sorge in viale Bicchierai, su un terreno delle Terme.

In serata è poi arrivato il comunicato della Regione Toscana con il quale il presidente Eugenio Giani annunciava la proclamazione dello stato di emergenza. "Raccoglieremo tutte le dichiarazioni di danni che saranno presentate e documentate dai Comuni - spiega Giani - e le valuteremo in base alla disponibilità finanziaria che arriverà dalla prossima variazione di bilancio. Sul riparto decideremo dopo novembre, una volta concluso il periodo più critico per le allerte e le piogge autunnali".