Sul caso ha indagato la polizia
Sul caso ha indagato la polizia

Montecatini 14 aprile 2018 - E’ accusato di aver gettato gatti morti o altri animali in decomposizione, rifiuti maleodoranti e oggetti pericolosi nel giardino dei vicini che non sopportava. Un’altra donna, residente vicino alla sua abitazione, sarebbe stata pedinata e fotografata, oltre a essere ricoperta di insulti. Un pensionato di 80 anni, residente a Montecatini, adesso, dovrà affrontare un processo con l’accusa di atti persecutori e danneggiamenti. Un presunto stalker davvero insospettabile, P.D., ritenuto da molte persone la classica brava persona su cui nessuno avrebbe mai da dire qualcosa.

Ma la vicenda ipotizza una serie di comportamenti davvero inquietanti. Claudio Curreli, pubblico ministero della procura di Pistoia, ha ottenuto il rinvio a giudizio per l’uomo, ieri mattina, dopo l’udienza preliminare, davanti al Gup. La prima seduta del procedimento è prevista per il prossimo 14 novembre. Una storia pazzesca che, nel giro di qualche anno, si è trasformata da una banale antipatia tra vicini, come può capitare, in una vera e propria guerra di nervi, senza alcun motivo concreto. In base alla denuncia presentata nel 2016 al commissariato di Montecatini, il pensionato è accusato di essersi appostato ripetutamente a pochi metri dall’abitazione della vicina, per scattarle delle foto. L’uomo molestava anche gli ospiti della donna, insultando tutti, anche per telefono, e danneggiando le piante dell’abitazione confinante.

Ma questi non sono i fatti peggiori che gli sono stati attribuiti. Agli altri due vicini di casa era riservato un trattamento assai inquietante: nell’abitazione della coppia, infatti, venivano lanciate carcasse di animali morti, tra i quali anche gatti, oltre a contenitori di liquidi per farli sobbalzare dalla paura. La situazione, dopo qualche anno, era iniziata a farsi davvero pesante, con paura e tensione tra le vittime del presunto stalker. Alla fine, i tre, uno dei quali è assistito dall’avvocato Claudio Del Rosso, hanno deciso di sporgere denuncia al commissariato. La polizia ha eseguito una serie di accertamenti per verificare gli inquietanti episodi raccontati dai vicini del pensionato. Alla fine, il pubblico ministero Claudio Curreli ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio per l’uomo. Il pensionato, adesso, dovrà difendersi davanti ai giudici dall’accusa di stalking e danneggiamento.