Eugenio Giani con un burattino di Pinocchio
Eugenio Giani con un burattino di Pinocchio

Montecatini 8 gennaio 2019 - «Siamo sulla buona strada. Adesso possiamo dire di aver imboccato il giusto percorso grazie anche a un importante lavoro di squadra che diventa fondamentale quando si hanno obiettivi ambiziosi». Così la vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni ha commentato l’avvio del progetto del Parco policentrico Collodi Pinocchio, presentato in Regione insieme al sindaco di Pescia Oreste Giurlani e al presidente della Fondazione Collodi Pier Francesco Bernacchi.

«Superfluo sottolineare quanto la figura di Pinocchio sia importante per la promozione della nostra cultura nel mondo – ha proseguito Barni – e per questo la Regione ha fatto parte volentieri al tavolo che ha portato alla costruzione del progetto che, tra le molte cose, contiene anche una proposta di partecipazione della cittadinanza». Il Parco, che prevede la realizzazione di attrazioni con un investimento della Fondazione (prima tranche di circa 3,5 milioni) riqualifica l’esistente e l’abitato di Collodi

Il Comune si impegna a sostenere il percorso con progettazione e pianificazione urbanistica (nuovi parcheggi, migliore accessibilità). Il progetto comprende il Parco degli Amici di Pinocchio, che ha già superato con successo la verifica di compatibilità ambientale e fu presentato nella sua prima ideazione al Parlamento Europeo nel 1995 che ha già acquisito i contributi di grandi architetti di fama internazionale (fra gli altri, Santiago Calatrava e Mario Botta). La realizzazione è prevista in lotti funzionali, il primo dei quali sarà il nuovo Paese dei Balocchi. 

«Particolare attenzione – riporta la nota della Regione – sarà riservata all’ambiente naturale e all’utilizzo di materiali ecocompatibili ed energie rinnovabili, oltre agli interessi della comunità locale, cioè al miglioramento delle condizioni di vita riguardo al traffico, agli sbocchi occupazionali dei giovani, alla salubrità ambientale. Con la sede e la biblioteca della Società Europea di Cultura ci saranno scambi e presenze di studenti. Il parco fluviale costituirà la spina verde per percorrere e vivere l’intero paese». A Firenze sorgerà il Pinocchio Museum Experience e grazie al futuro itinerario della Via Europea della Fiaba il centro aggregatore sarà appunto a Collodi.