Montecatini, 6 agosto 2018 - Arriva dalla Svizzera per incontrare un amico che abita a Montecatini Terme, ma quella che doveva essere una giornata spensierata e piacevole si trasforma in un incubo. E’ la storia di una ragazza di nazionalità elvetica, giunta lo scorso venerdì nella città termale. L’accoglienza da parte dell’amico, i due probabilmente avevano avuto anche un rapporto sentimentale, non si rivela alla fine così cordiale. Anzi tutt’altro. Nella serata sarebbe scoppiata una lite fra i due, con probabili percosse alla ragazza, che si è messa e gridare per chiedere aiuto. Le urla hanno attirato l’attenzione dei vicini di casa e sono state quindi allertate le forze dell’ordine. Queste si sono portate nella zona indicata, ma senza rilevare al momento violenze sulla donna, che non ha sporto denuncia né detto di essere stata picchiata.

Impaurita e dolorante, la straniera ha lasciato l’abitazione montecatinese, trovando accoglienza nella casa di una propria amica che vive a San Miniato, in provincia di Pisa. Questa l’ha ospitata per la notte. Al mattino seguente la ragazza ha accusato forti dolori in diverse parti del corpo, probabili conseguenze delle percosse della sera precedente. Si è quindi rivolta al pronto soccorso dell’ospedale di Empoli (il più vicino a San Miniato) per gli accertamenti del caso.

Qui il personale medico non ha potuto far altro che constatare i forti traumi, con evidenti ematomi ed ecchimosi, riportati dalla donna in varie parti del corpo. E’ quindi scattato d’ufficio il «Codice rosa», particolare percorso di accoglienza al pronto soccorso dedicato a chi subisce violenza con il coinvolgimento di personale sanitario, assistenti sociali, psicologi, oltre che delle forze dell’ordine per le necessarie indagini.