Controlli degli agenti della polizia municipale in via Manin dove erano stati sistemati alcuni giacigli nell’ex edificio della Telecom
Controlli degli agenti della polizia municipale in via Manin dove erano stati sistemati alcuni giacigli nell’ex edificio della Telecom

Montecatini, 10 aprile 2018 - «L’EX SCALO merci della stazione ferroviaria di piazza Italia è di nuovo invaso da nomadi e sbandati di vario genere che trascorrono qui la notte. Abbiamo segnalato questo problema all’amministrazione comunale, nella speranza che siano fatti quanto prima gli sgomberi necessari». Massimo Chirli, segretario provinciale di Fit-Cisl e dipendente della compagnia Trasporti Toscani, che cura il servizio pubblico su gomma nel nostro territorio, lancia un allarme in merito alle condizioni in cui versa l’edificio e al ripetersi di annosi problemi. I pullman della sua azienda partono e arrivano in piazza Italia da tutta la Valdinievole, occupandosi anche di un settore delicato come quello scolastico. «Con l’arrivo della primavera – sottolinea Chirli – gli sbandati sono ritornati ad appropriarsi della struttura, dove hanno sistemato i loro giacigli per la notte. Abbiamo appena fatto presente il problema al sindaco Giuseppe Bellandi e al comandante della polizia municipale Domenico Gatto. E’necessario quanto prima che venga fatto uno sgombero, anche a tutela delle condizioni igienico sanitarie dell’area. Le istituzioni devono tutelare la sicurezza e la salute dei viaggiatori che utilizzano i mezzi del trasporto pubblico. L’ex scalo merci dovrebbe essere messo nella condizione di non poter più offrire ripari di questo genere a soggetti di questo tipo. Se necessario, il Comune dovrebbe chiedere la collaborazione delle altre forze dell’ordine e di Rete Ferroviaria Italiana, competente a seguire l’edificio».

Durante l’incontro con il sindaco Bellandi e il comandante Gatto, Chirli ha ricordato la necessità di sistemare la segnaletica orizzontale e verticale di piazza Italia in modo corretto, al fine di garantire il transito corretto dei mezzi, turistici e del trasporto pubblico che passano nell’area. «L’ideale – aggiunge il sindacalista di Fit-Cisl – sarebbe togliere il check point dei bus turistici da questa zona, come avevo già proposto lo scorso anno. Tra l’altro, sono dovuto intervenire più volte per dare una mano ai conducenti che, privi di una reale assistenza, si trovano spesso in difficoltà nelle procedure. Il trasferimento nell’area di viale Foscolo sarebbe davvero auspicabile per tutelare la sicurezza e la fluidità del traffico dei mezzi del trasporto pubblico. Mi auguro che l’amministrazione comunale intervenga quanto prima per sistemare la segnaletica nella zona di piazza Italia».

Daniele Bernardini