Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Gigi Simoni: la Carrarese può salire in B con Baldini

Serata di gala al bagno ristorante Conte di Marina di Carrara; la famiglia Grassi chiama a raccolta gli ex di lusso alla cena delle beccacce. Presenti Fascetti, Andreazzoli, Evani, Mussi, Nardini e Sannino 

Ultimo aggiornamento il 18 giugno 2018 alle 14:46
Da sinistra Mussi, il tifoso Vincenzo Volpi, Redomi, Nardini e il vice ct Evani

Carrara, 18 giugno 2018 - "LA CARRARESE può ambire alla B, Baldini è un ottimo allenatore, l’uomo giusto per il miracolo. E io tiferò per gli azzurri come ho sempre fatto": parole sincere, schiette in linea con la signorilità e l’eleganza che lo ha contraddistinto per tutta la sua carriera, prima in campo e poi in panchina. Gigi Simoni, 79 anni, è stato tra gli ospiti di lusso al gran gala della famiglia Grassi che venerdì scorso si è tenuto sulla terrazza del bagno ristorante Conte. L’ex allenatore dell’Inter con cui vinse la coppa Uefa nel 1998 (nella foto lo vediamo con Ronaldo e Mattheus) tra le sue innumerevoli promozioni (detiene il record, sette dalla B alla A) ha nel suo palmares anche la vittoria nel campionato 1991-92 alla guida della Carrarese di Luciano Grassi. Proprio il presidentissimo (vent’anni alla guida della scoietà marmifera), coadiuvato dal fratello Franco, a organizzare in modo impeccabile la cena cosiddetta delle beccacce, preparata alla perfezione dallo chef Gabriele Giovannelli, in «onore» alla selvaggina cacciata da Baldini. Un appuntamento tradizionale di metà giugno e un parterre d’eccezione con lo stesso allenatore azzurro, Eugenio Fascetti, Alberico Evani, vice di Mancini in Nazionale, Aurelio Andreazzoli in A con l’Empoli, Beppe Sannino, Roberto Mussi, Renzo Redomi, Claudio Vinazzani, Paolo Corsi, Walter Devoti, Tito Corsi, Beppe Benvenuti, Roberto Aliboni, Gianmarco Remondina, Gianni Rossi e l’ex sindaco Zubbani. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.