Carrarese 8

Genoa Primavera 0 

CARRARESE (4-2-3-1): Borra; Carissoni, Luca Ricci, Murolo, Giacomo Ricci; Rosaia, Agyei; Valente, Piscopo, Tavano; Biasci.

CARRARESE (secondo tempo 4-2-3-1): Rollandi; Carissoni, Alari, Luca Ricci, Karkalis; Cardoselli, Pugliese; Mobilio (81’ Giacomo Ricci), Tavano, Foresta; Maccarone. All. Baldini.

GENOA (4-4-2):Raccichini; Piccardo (82’ Criscito), Da Cunha (61’ Gasco), Bellich; Adamoli, Karic, Marini, Cleonese (45’ Diaby); Simeoni (64’ Turchet), Bianchi (45’ Petrovic, 82 Perez), Ventola (61’ Facchin). A disp.: Montaldo. All. Sabatini.

Arbitro: Moretti di Valdarno (Alamo e Cantore di Firenze).

Marcatori: 5’ Biasci, 7’ Rosaia, 10’ Piscopo, 41’ (r.) Tavano, 59’ Alari, 62’ Mobilio, 63’, 80’ Foresta.

Note: angoli: 3 -2.

Carrara, 7 settembre 2018-  Decisa e senza tanti fronzoli. La Carrarese esce dal test amichevole con la Primavera del Genoa con una convinzione in più: la squadra ha risposto bene e nei primi 10 minuti ha letteralmente schiacciato gli ospiti. Non era una partita di cartello, ma la determinazione che ha chiesto mister Baldini per raggiungere il sogno, ovvero la serie B si è vista, con un modulo simile al tanto caro 4-2-4 tanto apprezzato dal tecnico apuano. Sulla panchina rossoblù una vecchia conoscenza dei marmiferi: mister Carlo Sabatini, fratello diWalter (ora responsabile dell’area tecnica della Sampdoria) e nella stagione 2012-13, alla guida della Carrarese. Sabatini non ebbe fortuna: in 5 partite con i marmiferi non riuscì a racimolare neanche un punto: dopo 5 sconfitte rassegnò le dimissioni. Il valzer dei gol lo apre Biasci, ieri particolarmente ispirato, che a 5 minuti dall’inizio della gara, dalla fascia destra effettua un tiro cross che il portiere interpreta male, non ferma la sfera, che conclude la sua corsa nella rete. Al 7’ gol annullato a Piscopo (pallonetto). Ma dopo 3 minuti arriva il 2-0: Biasci mette una palla in mezzo e in mezza rovesciata Rosaia insacca la palla alle spalle dell’estremo difensore ospite. Annullato un altro gol, ma alla mezz’ora Tavano spara una punizione di poco fuori la porta. Si affaccia il Genoa: un tiro sporcato dalla difesa di Masini e Borra mette in angolo. Quasi allo scadere Biasci viene atterrato in area: Tavano trasforma dagli 11 metri. Nella ripresa si riparte con un cross in mezzo di Tavano da angolo e Alari la piazza in rete di testa. Mobilio porta ancora avanti i suoi prima di uscire e Foresta colleziona la sua doppietta personale dopo un tiro da fuori area. Ora testa a calendario: domani si decidono i gironi del prossimo campionato degli azzurri.