Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Massa, primarie del centrosinistra: Volpi vince come da copione

Il sindaco uscente è il candidato alle prossime elezioni comunali: 2123 preferenze contro le 864 di Ortori

di STEFANO GUIDONI
Ultimo aggiornamento il 23 aprile 2018 alle 09:36
Alessandro Volpi ha vinto le primarie del centrosinistra

Massa, 23 aprile 2018 - "Costruiamo insieme il futuro. Volpi sindaco" da oggi non è più solo uno slogan. Bensì, è quanto hanno deciso gli elettori massesi di centro sinistra, che ieri hanno partecipato alle elezioni primarie per il candidato a sindaco che il 10 giugno li rappresenterà nel confronto elettorale con gli altri aspiranti a primo cittadino, tra cui Francesco Persiani per il centro destra e Luana Mencarelli per i Cinque Stelle, considerati tra i maggiori pretendenti alla poltrona più ambita del Comune di Massa. «Alessandro Volpi ha vinto le primarie con 2123 preferenze – ha comunicato il presidente del comitato organizzativo Riccardo Mannella al termine dello spoglio – contro le 864 di Simone Ortori». Si conclude così, con la vittoria dell’attuale sindaco di Massa, un percorso segnato da un lungo dibattito, da rinunce, ripensamenti e anche critiche «per il fatto che – hanno detto parecchi elettori di centro sinistra – è anomalo che un sindaco al primo mandato, che per altro ha fatto bene, non sia stato riconfermato senza il bisogno delle primarie». Il documento sottoscritto dai candidati e dalle forze politiche e associazioni del centro sinistra che hanno aderito alle primarie (Partito Democratico, Articolo Primo, Arancioni per Massa, Partito Repubblicano Italiano, Articolo Uno Movimento Democratico Progressista, Lavoro Etica Sviluppo, Alternativa Radicale, Associazione Massa Città d’Europa, Associazione Lab-Dem Massa Carrara), ha convinto 3018 elettori a recarsi alle urne nei quindici seggi predisposti dalla montagna al mare. Due i candidati, l’attuale sindaco e il consigliere comunale di Articolo Primo, a differenza di cinque anni fa quando erano in cinque e i votanti oltre 11mila «un dato dipeso sia dal fatto che stavolta i candidati sono meno della metà – ha ribadito il segretario organizzativo Ruggiero Porta – che a fronte dei numeri emersi dalle ultime elezioni politiche». Diciannove le schede nulle e 12 quelle bianche. L’attuale primo cittadino, nonché neo candidato sindaco del centro sinistra, ha dichiarato a caldo: «le primarie sono già un capitolo chiuso, adesso prima di pensare a costruire il futuro dobbiamo concentraci sul presente, e il presente è il Regolamento urbanistico. Poi penseremo alle elezioni di giugno. Mi appello alla responsabilità dei consiglieri – ha ribadito Volpi – affinché il Consiglio comunale svolga il suo dovere come ci richiedono le categorie, imprese, professionisti e i cittadini».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.