Carrara, 12 giugno 2018 – Parla toscano il vincitore di Amici 2018. Irama è il giovane cantante che si è aggiudicato l’edizione numero 17 del talent show di Maria De Filippi. Lunedì sera, su Canale 5, è andata in onda l’ultima puntata del programma dove si balla e si canta. E il pubblico da casa, tramite il televoto, ha incoronato vincitore Filippo Maria Fanti, in arte Irama, che nella sfida finale ha avuto la meglio sulla cantante siciliana Carmen.

Il ragazzo, residente a Monza, è originario di Carrara, dove è nato il 20 dicembre 1995, da genitori di Pontremoli. Fin da bambino si è interessato alla musica tanto da inseguire un sogno chiamato Sanremo per poi ripartire da capo grazie ad ‘Amici’. “La musica è tutto quello che ho” racconta subito dopo la vittoria del talent (dove conquista anche il premio Radio 105 del valore di 20mila euro). “Dopo De Andrè e Guccini ho cominciato ad avvicinarmi all’hip hop” aggiunge il pontremolese che nel 2016 arrivò a Sanremo, nelle nuove proposte, con ‘Cosa resterà’. Ma fu eliminato a favore di Ermal Meta, che ha ritrovato nella commissione esterna del talent di Canale 5. Quell’anno, nelle Nuove proposte, trionfò un altro carrarese: Francesco Gabbani. Nell'estate del 2016, Irama partecipò e vinse - nella categoria giovani - il Coca Cola Summer Festival.

Dopo un’esperienza con l’etichetta discografica Warner Music Italy (che non riscosse grande successo), il cantante di Carrara ha deciso di rimettersi in gioco e ricominciare da zero partecipando ad ‘Amici’. Subito guadagna la maglia e un banco nella scuola televisiva di Canale 5, inanellando un successo dietro l’altro. Con il primo inedito ‘Un giorno in più’, scritto da lui, raggiunge immediatamente la vetta di iTunes. ‘Che ne sai’, ‘Che vuoi che sia’, ‘Voglio solo te’, ‘Per sempre’, ‘Un respiro’ e ‘Nera’ sono le altre sei tracce del disco ‘Plume’ (Warner Music Italy), uscito lo scorso primo giugno. L’album ha venduto 20mila copie la prima settimana ed è entrato nella classica Fimi-Gfk dei dischi più venduti in Italia, primo su iTunes, primo secondo e terzo su Amazon con tre versioni del disco differenti; primo su Apple Music, primo su Google Play, raggiunge quasi 6 milioni di stream su Spotify. “Non avevo pensato di vincere. È stata una finale di grande condivisione. Io ho pensato più a trasmettere qualcosa che a vincere” afferma poco dopo la proclamazione. “Imparare a rialzarsi è la cosa più importante”, conclude Irama.

I genitori di Irama sono di Pontremoli, trasferiti poi a Monza. Il papà Marco, la mamma Patrizia e lo zio Pierangelo (titolare della famosa azienda Stainer che produce cioccolato) hanno trascorsi sportivi: entrambi hanno giocato a calcio nella Pontremolese negli anni Ottanta. Ma anche il nonno Tonino era calciatore negli anni Cinquanta e ha giocato anche in serie C.