Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Anno scolastico a rischio per l'alberghiero di Massa: non ci sono soldi per il convitto

La Regione Toscana ha promesso un "aiuto" di 25mila euro ma "non saranno sufficienti". Ne servirebbero almeno 700mila

Ultimo aggiornamento il 22 luglio 2016 alle 22:15
L’istituto alberghiero Minuto

Marina di Massa, 22 luglio 2016 - Anno scolastico 2016/2017 a rischio per l'istituto G. Minuto di Marina di Massa. Uno degli alberghieri storici e più rinomati e prestigiosi d'Italia, nato nel 1962 come sede distaccata del Saffi di Firenze, poi diventato autonomo, potrebbe dunque chiudere i battenti. Il motivo si lega alla mancanza di soldi per il convitto, spiega il presidente facente funzioni della Provincia di Massa Carrara Ugo Malatesta: senza però i 150 ragazzi provenienti da fuori provincia, da ospitare nel convitto, "mancherebbe una grossa fetta di introiti all'istituto e sarebbero a rischio anche la composizione delle classi e 25 lavoratori, tra educatori e cuochi".

La Regione Toscana ha promesso di venire incontro alla scuola con un 'aiuto' di 25mila euro ma "non saranno sufficienti". Nel convitto vivevano appunto circa 150 alunni: la Provincia già da tre anni è stata costretta a spostarli in una struttura provvisoria, di proprietà di una parrocchia, perché la sede originaria, all'interno dello stesso alberghiero, è inagibile, assieme ad altre aule e ad alcuni laboratori di cucina. Per ripristinare tutti questi locali occorrerebbero 700mila euro che la Provincia ad oggi non ha mentre mantenere il convitto nella struttura parrocchiale, che peraltro non è completamente idonea, è diventata un costo troppo elevato per l'ente, circa 120mila euro all'anno.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.