Miryam
Miryam

Massa Carrara, 13 aprile 2019 - «Dove sei Miriam? Torna a casa figlia mia». Da sei lunghi giorni Nicoletta Bertelloni non ha più notizia della figlia 16enne Miryam, scomparsa nel nulla lunedì dopo essere uscita da scuola ad Aulla. Alle 14,03 l’ultimo sms inviato a una zia (con un semplice «ciao zia») poi il buio più totale che ha gettato nella disperazione la famiglia, già colpita in passato dalla scomparsa del padre della ragazzina massese, da due anni ospite della comunità per minorenni ‘Numeri primi’ ad Aulla. Sono stati proprio i responsabili della struttura lunigianese a far scattare l’allarme lunedì pomeriggio non vedendola tornare da scuola: è cosi scattata la denuncia ai carabinieri, mentre la madre è rientrata a Massa (abita in un’altra regione) per seguire da vicino la vicenda insieme alle sorelle. Guardano con ossessione il cellulare nella speranza di ricevere una chiamata, un segnale.

Finora però, nulla. «Solo mercoledì – dice Nicoletta con le sorelle Elisabetta e Loretta – abbiamo provato a telefonarle trovando il suo cellulare acceso ma non ha risposto alla nostra chiamata, poco dopo ha spento». Potrebbe essere un punto di partenza però per cercare di tracciare i movimenti della ragazzina attraverso la cella agganciata dal suo cellulare: i carabinieri di Pontremoli in tal senso stanno svolgendo tutte le attività investigative del caso. «Non abbiamo più sue notizie da lunedì, siamo veramente molto preoccupate», dicono Nicoletta e le sorelle. Non si tratta della primo allontanamento da parte di Miryam, in passato aveva lasciato la struttura di Bologna dove era ospite per tornare in treno a Massa dalle zie. «Più volte – dicono – ha manifestato la volontà di venire a vivere con noi, anche di recente. Ci vedevamo quando dalla struttura veniva accompagnata a Marina di Massa per trascorrere la giornata con noi: in quei momenti era tranquilla, serena. In altre occasioni invece andavamo a trovarla ad Aulla, dove ci sembrava un po’ più cupa». Ieri anche la popolare trasmissione ‘Chi l’ha visto’ si è occupata del caso nella sua ‘finestra’ mattutina, mentre sui social è partito un incessante tam tam per allargare al massimo il raggio delle ricerche. «Non ho idea – prosegue Nicoletta – di dove possa essere mia figlia, non ha soldi». Al momento della scomparsa indossava i suoi occhiali, ha i capelli castani e di solito mette in testa un cappellino tipo-baseball. Le ultime parole sono un appello alla figlia. «Se sei da qualche parte fatti viva, perchè sto veramente pensando di tutto». Chi avesse notizie di Miryam Bertelloni contatti i carabinieri di Pontremoli (0187-463300) o il numero di emergenza 112.

Claudio Masseglia