I piccioni sporcano Pontremoli ma anche piazza del Duomo a Milano e San Marco a Venezia
I piccioni sporcano Pontremoli ma anche piazza del Duomo a Milano e San Marco a Venezia

Pontremoli (Massa Carrara), 14 marzo 2019 - Multe in arrivo a chi dà da mangiare ai piccioni. Lo stabilisce un’ordinanza firmata dal sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini che vieta la somministrazione di alimenti ai colombi indicando anche misure di contenimento di questi volatili in ambito urbano. Il provvedimento si è reso necessario perché è stata notata « la quotidiana abitudine di distribuire cibo ai piccioni aumentando, di fatto, in nodo innaturale, la loro capacità di riproduzione, contribuendo così ad aggravare un fenomeno che può arrecare seri danni alla collettività. La presenza di piccioni allo stato libero nel territorio comunale in ambito urbano - si legge nell’atto comunale - può generare l’ insorgere di problematiche a carattere igienico-sanitarie, con conseguenti disagi connessi sia all’accumulo del guano maleodorante, sia alla preoccupazione per il rischio potenziale di malattie infettive e parassitarie veicolate da volatili, sia al degrado dei monumenti nonché problemi di decoro urbano in relazione ad insudiciamenti di balconi e marciapiedi«.

Per questi motivi il sindaco ordina il divieto in tutta la zona urbana di Pontremoli si somministrare ai piccioni e ad altri volatili selvatici granaglie, sostanze di scarto e avanzi alimentari. Inoltre è fatto obbligo ai proprietari di edifici situati in ambito urbano ed esposi alla nidificazione e allo stazionamento dei piccioni «di mantenere pulite da guano o uccelli morti le aree private sottostanti i fabbricati e le strutture interessate dalla presenza dei volatili e di schermare con apposite reticelle o altra modalità idonea, ogni apertura di soffitte, solai, sottotetti, onde impedire l’accesso ai piccioni per il riparo e la nidificazione«. La sanzione amministrativa prevista per chi non rispetta le prescrizioni previste dall’ordinanza va da un minimo di 25 a un massimo di 300 euro.