Andrea Manfredi
Andrea Manfredi

Massa, 30 ottobre 2018 - Dolore senza fine a Marina di Massa per la famiglia di Andrea Manfredi, 26 anni, il giovane morto nell'incidente aereo accaduto in Indonesia. L'aereo era un Boeing 737 Max 8 che copriva la tratta da Giacarta all'isola di Bangka. Sono 189 le persone che hanno perso la vita tra i 181 passeggeri e gli 8 membri dell'equipaggio.

Tra i passeggeri anche il giovane Andrea, unica vittima italiana. Tante le persone che hanno voluto far visita alla famiglia a Marina di Massa per portare il loro cordoglio. Andrea Manfredi aveva corso con diverse squadre nei dilettanti, poi nei professionisti. Dopo aver lasciato il ciclismo aveva fondato una azienda che produce comuter per bicicletta, la Sportek. Un ragazzo aperto e gentile che aveva scoperto anche dietro a una scrivania di avere un grande talento. Amava lo sport e aveva portato con sé la sua bicicletta anche in Indonesia, come altre volte aveva fatto nei suoi viaggi all'estero. 

L'aereo della compagnia low cost Lion Air precipitato aveva registrato problemi alla strumentazione nel volo precedente, con letture "inaffidabili" dell'altezza e della velocità. Lo ha comunicato sul suo sito web l'Autorità sulla sicurezza dell'aviazione

Il pilota aveva chiesto l'autorizzazione a rientrare 2-3 minuti dopo il decollo, segnalando un problema la cui natura non è ancora stata chiarita. Finora sono stati recuperati 10 corpi intatti e diversi resti. I frammenti dell'aereo e gli effetti personali recuperati, da documenti d'identità ad abiti e borse trovate sparse sulla superficie del mare, giacciono su un telone in un porto a nord di Giacarta.

Difficile al momento capire se e quando il corpo di Andrea sarà trovato e identificato.

Tutto il mondo del ciclismo piange il ragazzo. Tra i messaggi, anche quello di Vincenzo Nibali: "Non ti conoscevo personalmente, ma davanti a questa tragedia resto senza parole. Riposa in pace", ha scritto su Instagram il campione.