Mare in strada alla Partaccia
Mare in strada alla Partaccia

Marina di Massa (Massa Carrara), 28 novembre 2021 - E’ arrivata una forte mareggiata che sta colpendo violentemente il litorale massese. Per la conta dei danni, come sempre, si dovrà aspettare che il vento si calmi e che il mare arresti la sua corsa per calcolare quanto, questa volta, ha eroso. La costa massese onda dopo onda viene inghiottita dall’acqua e per questo il fattore tempo diventa sempre più importante se si vuole salvaguardare e tutelare la spiaggia.

Da sin. allerta gialla per rischio idrogeologico, vento e infine mareggiate

Nella zona dei bagni don Gnocchi e Marchini, in località Partaccia, il mare ha scavalcato la lingua di sabbia rimasta per arrivare ad inondare la strada, fino all’incrocio al semaforo di via delle Pinete. Anche nella zona di Ronchi, a levante dal fosso del Magliano, l’acqua è sul Lungomare. A Poveromo le onde si infrangono sulle strutture. Difficile dire quale sia la zona rimasta indenne dalla forza erosiva del mare. E’ una mareggiata, quella iniziata nella notte tra venerdì e sabato, che dovrebbe calmarsi nel pomeriggio di oggi, e che potrebbe annunciarne altre più violente. L’allarme più volte lanciato dai balneari dovrebbe far accendere i riflettori sulla questione erosione, perché senza spiaggia non si può parlare di turismo balneare, del relativo indotto né di progetti per rilanciare il territorio.

Tutta la costa Toscana è in sofferenza a causa dell’erosione, ma sembra che il litorale di Massa abbia raggiunto il triste primato di essere quello più in difficoltà. Sono necessari interventi che garantiscano la sopravvivenza della riviera massese, risorsa fondamentale per l’economia del territorio e del comparto turistico.