Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Legambiente «Water front e progetti serve partecipazione»

La protesta per la voce dei cittadini

Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2018 alle 12:58
porto carrara
Carrara, 8 settembre 2018 - «Waterfront e commissioni: serve più partecipazione». Così Legambiente interviene sul progetto di via Rinchiosa e chiede che il Comune renda pubbliche con un convegno le osservazioni dei cittadini. «Ad un mese dalla consegna dei contributi – scrive Legambiente –, apprendiamo che il Comune raccoglierà le osservazioni in un dossier che sarà sottoposto alla Port authority. Crediamo che l’amministrazione potrebbe valorizzare il percorso di partecipazione pubblicando on line le ossservazioni, organizzando un incontro pubblico per consentire agli autori delle osservazioni di presentarne il contenuto». Secondo Legambiente sarebbe necessario che «il Comune illustrasse la sintesi che presenterà a Carla Roncallo. «Spiace – prosegue la nota – apprendere dai giornali che, almeno al momento, non sono queste le intenzioni della giunta. Come spiace dover prendere atto che su un percorso “aperto” la commissione consiliare non abbia ritenuto opportuno invitare gli autori dei contributi». Sempre sul tema del water front, Legambiente non condivide l’entusiasmo espresso dall’assessore e dal presidente della commissione Lavori pubblici per l’avvio della progettazione definitiva del I e II lotto. «Rispetto alle soluzioni proposte dall’Autorità portuale, avevamo già espresso le nostre perplessità e suggerito alternative funzionali all’accesso allo scalo, ma meno impattanti e volte a riqualificare la foce del Carrione e a ridurre il rischio alluvionale. Riteniamo pertanto doveroso aprire una campagna d’ascolto anche su questi aspetti. Già avevamo chiesto al Comune di favorire la presenza di cittadini alle commissioni consiliari con un invito on line»

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.