Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Massa, 8 settembre 2018 - Negli uffici della Provincia finito al centro della bufera l’atmosfera è pesante. I dipendenti (quelli che lavorano regolarmente ogni giorno) e i dirigenti non hanno modificato le rispettive abitudini. Ma il giorno successivo al blitz dei carabinieri si sentono nell’occhio del ciclone.

«Mio figlio di 8 anni mi ha chiesto cosa è successo nel mio ufficio. Ho risposto con un gioco, lo stesso che fanno a scuola. Quando un bambino fa qualcosa di diverso dalle attività scolastiche, la maestra gli chiede di riflettere, così a mio figlio ho detto che questi colleghi stanno riflettendo».

Massimo Della Pina, ha 47 anni, è un gemometra e lavora nell’ufficio tecnico. Lui insieme ad altri rappresenta la «parte sana» della Provincia e racconta così il suo lavoro.

Da quanti anni è dipendente della Provincia?

« Da 14 anni. Sono geometra e lavoro e lavoro nell’ufficio tecnico, mi occupo di edilizia scolastica. Sono a diretto contatto con i presidi delle scuole di tutta la provincia».

Le piace il suo lavoro?

«Certo. Lavoro con altri quattro colleghi, tutti geometri, cerchiamo di rispondere alle esigenze degli istituti scolastici».

Quale è il suo stato d’animo le vicende giudiziarie che hanno portato a numerosi arresti?

«Sono frastornato e disorientato. Giovedì quando c’è stato quel gran traffico di carabinieri al quale non siamo abituati, con i miei colleghi abbiamo lavorato: c’era da fare un intervento urgente per garantire l’apertura dell’anno scolastico di un istituto massese».

Che opinione ha di tutta questa storia?

«Carabinieri e magistratura hanno fatto il loro lavoro. Chi è coinvolto potrà raccontare nelle sedi opportune la sua verità. Ma la stanotte non ho dormito».

«Sono mortificata per l’immagine che è passatadalla vicenda. Ma lavoro a testa alta e rispetto ad altre Province in Italia, il nostro ente a ha guardato avanti e lo ha fatto grazie alla gente che lavora».

Claudia Bigi è dirigente di Palazzo Ducale dove lavora da 23 anni. Il suo è un ruolo da pluridirigente: segue tanti settori e lo fa con tanta passione e professionalità.

«Con la riforma dell’ente – spiega Bigi – abbiamo ‘perso’ molto personale e anche qualificato».

Come vive il suo lavoro?

«Mi piace, lo faccio con passione e penso che il nostro dovere sia rispondere per le nostre competenze alle esigenze dei cittadini».

E in Provincia non ci sono soltanto i numeri negativi dei «furbetti», ci sono anche quelli positivi: Massimo Della Pina ad esempio ha 148 ore di straordinario che ha fatto praticamente gratis e molte altri dipendenti vantano ancora qualche giorno di ferie dello scorso anno.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.