In porto 64 migranti. Arrivano stamani con la nave tedesca. A bordo anche 11 minori

Sbarcherà alle 8 la ong che porta gli stranieri fuggiti dall’inferno

In porto 64 migranti. Arrivano stamani con la nave tedesca. A bordo anche 11 minori

In porto 64 migranti. Arrivano stamani con la nave tedesca. A bordo anche 11 minori

Attraccherà stamani alle 8 la nave della ong tedesca United 4 Rescue. A bordo della ‘Humanity One’ ci sono 64 migranti di cui 11 minori, soccorsi il 31 gennaio nelle acque del Mediterraneo meridionale davanti alle coste libiche. "Il nostro equipaggio ha soccorso una barca di legno in pericolo, sovraffollata e inadatta alla navigazione. Nessuna delle 64 persone a bordo indossava giubbotti di salvataggio" riporta in una nota sui social la ong. Una volta soccorsi la nave ha informato le autorità italiane che hanno assegnato il porto apuano "negando lo sbarco il più rapidamente possibile - prosegue la ong -. Le autorità ci hanno indicato il porto di Marina di Carrara a 1.200 chilometri di distanza". Non si placa la protesta delle navi da soccorso sulla questione dei porti di destinazione, quelli nel nord Italia distanti ore di navigazione rispetto al luogo del soccorso. Ma le direttive delle autorità sono state chiare quindi questa volta toccherà alla banchina Fiorillo ospitare la nave di 61 metri per 11 di larghezza.

Anche in questo caso si rende necessaria la rotazione delle banchine per non gravare troppo su un solo terminalista. Numeri alla mano, per lo scalo di Marina quello di oggi sarà il decimo sbarco, il primo del 2024. Il numero dei migranti arrivati sotto le Apuane, con i 64 di oggi, sale a 1165 persone.

Facendo un rapido riepilogo la prima nave ad attraccare nel porto apuano è stata il 30 gennaio 2023 la Ocean Viking di Sos Méditerranée con 95 persone a bordo, quindi, il 19 aprile e il 5 giugno, la Life Support di Emergency rispettivamente con 55 e 29 migranti a bordo. Il 7 e il 19 luglio, la Geo Barents di Medici senza frontiere arrivò con 196 e 214 persone. Per due volte consecutive è stata poi la volta della Open Arms, il 22 agosto con 196 migranti a bordo e il 4 ottobre con 176. Il 22 novembre è tornata invece la Life Support con sole 21 persone e, infine, il 28 dicembre la Sea Watch 5 che ne ha sbarcate 119. Tutte le operazioni saranno coordinate dalla Prefettura. Come ormai da prassi una volta terminate le prime operazioni di discesa sulla banchina dei migranti a bordo, proseguirà con il loro accompagnamento nel padiglione B del vicino complesso fieristico di Carrarafiere.