Il vicequestore Antonio Dulvi Corcione è a  capo  della Squadra Mobile
Il vicequestore Antonio Dulvi Corcione è a capo della Squadra Mobile

Massa, 26  gennaio 2020 - Clamoroso colpo la scorsa nottealla filiale Carige lungo l’Aurelia, a Romagnano. Alcuni malviventi (come minimo due ma potrebbero essere di più) sono penetrati all’interno dell’istituto di credito e una volta dentro hanno collocato dell’esplosivo sotto il bancomat. Il boato ha svegliato gli abitanti della zona che, quando hannoaperto le finestre, hanno potuto solamente vedere una vettura di grossa cilindrata allontanarsi in fretta.


Ma vediamo quanto è accaduto. Intanto un dato. E la prima volta, a Massa, che per un furto in banca viene utilizzato dell’esplosivo. Episodi analoghi erano già avvenuti in altre città italiane ma non qui. Dalla notte tra venerdì e sabato, invece, questa differenza è stata cancellata. I primi a rendersi conto della nuova realtà sono stati alcuni abitanti di Romagnano che abitano non lontano dalla banca. Tra le 2,30 e le 3 di notte sono stati svegliati dicolpo da un boato. Qualcuno ha pensato ad un grave incidente, altri ad un terremoto. Ma quando hanno aperto le finestre percapire cosa stava accadendo,hanno visto del fumo alzarsi dai locali della banca e una maccchina allontanarsi a tutta velocità. E hanno potuto solo chiamare la Polizia dando l’allarme.

Quando sul posto si sono precipitati gli agenti, hanno potuto solo constatare che qualcuno era penetrato nei locali della banca e aveva posto dell’esplosivo alla base dello sportello bancario Atm. Il botto ha causato gravi danni ai locali ma ai delinquenti è servito. Hanno arraffato tutti i soldi che erano stati messi, poche ore prima, dentro il distributore automatico per far fronte alle richieste del fine settimana. E da una prima, sommaria analisi, pare che la somma che si trovava dentro il bancomat si aggiri intorno ai 100mila euro. Sul posto ieri mattina si è precipitato anche il direttore della filiale, per valutare l’accaduto, vedere idanni e fare i prima stima di quanto Carige ha perso. Ora saranno gli investigatori della Squadra Mobile di Massa Carrara a dover indentificare gli autori del colpo ma non si esclude possa trattarsi di“professionisti“ venuti da fuori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA