Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
24 giu 2022

Estate al mare senza ping pong e biliardino? L’amarezza dei balneari: "Siamo all’assurdo"

Fa discutere la modifica alla normativa che rende più complicato il nulla osta per queste attività dell’Agenzia dogane e monopoli "Siamo interdetti e anche preoccupati per i tempi e per la complessità della procedura". Il rischio reale è che l’ok arrivi a fine stagione

24 giu 2022
laura sacchetti
Cronaca
Un’immagine classica e innocente: due bambini giocano a ping pong in un bagno di Marina di Massa (foto di Paola Nizza)
Un’immagine classica e innocente: due bambini giocano a ping pong in un bagno di Marina di Massa (foto di Paola Nizza)
Un’immagine classica e innocente: due bambini giocano a ping pong in un bagno di Marina di Massa (foto di Paola Nizza)
Un’immagine classica e innocente: due bambini giocano a ping pong in un bagno di Marina di Massa (foto di Paola Nizza)
Un’immagine classica e innocente: due bambini giocano a ping pong in un bagno di Marina di Massa (foto di Paola Nizza)
Un’immagine classica e innocente: due bambini giocano a ping pong in un bagno di Marina di Massa (foto di Paola Nizza)

di Laura Sacchetti L’estate in spiaggia non è solo tuffi in mare e tintarella, ma è fatta anche di sfide al ping pong, al calciobalilla, partite a beach volley o a racchettoni o, ancora, a burraco, scopone o a scala quaranta, dove chi perde al massimo offre il gelato. Siamo tutti cresciuti così sulla costa apuana. E negli stabilimenti balneari sono quasi sempre servizi gratuiti per i clienti del bagno, indispensabili soprattutto per i bambini e per gli adolescenti. Momenti di svago e di divertimento, nulla a che vedere con slot machine o videopoker. Eppure la notizia che ha scosso gli imprenditori balneari e non solo, uscita in questi giorni, riguarda una modifica alla normativa che prevede un nulla osta rilasciato dall’Agenzia Dogane e Monopoli, per avere questi giochi. Facciamo un po’ di chiarezza. La regola è sempre stata che queste tipologie di giochi, con o senza moneta, erano soggetti a ’Scia’ al Comune (quindi un’autorizzazione amministrativa) tipica per i giochi leciti. Questi giochi poi sono soggetti a Isi, ossia l’imposta sugli intrattenimenti, che c’è sempre stata. Ma quindi cos’è cambiato? E’ cambiata la procedura. Se infatti fino allo scorso anno bastava un’autocertificazione all’Agenzia dogane e monopoli, da quest’anno l’automatismo è venuto meno, perché oltre al pagamento dell’Isi, che deve essere mandato all’Agenzia dogane e monopoli, si deve aspettare anche la risposta da parte dell’Agenzia stessa, il famoso nulla osta da ritirare presso i loro uffici i quali rilasciano anche un codice. Ma la procedura non è semplice, perché il balneare deve anche allegare alcuni documenti, come la scheda tecnica del biliardino, che magari ha acquistato dieci anni fa… E se per i tempi burocratici tale nulla osta arrivasse a stagione terminata? Vorrebbe dire passare l’estate senza biliardino o senza ping pong? "Ci preoccupano i tempi – spiega Antonio Natale, del bagno Artemisia ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?