Massa, 11 luglio 2018 - Una cerimonia solenne ed emozionante quella di domenica pomeriggio nella chiesa dedicata a Santa Maria Assunta a Soliera Apuana di Fivizzano per l’“l’ingresso” del nuovo sacerdote in una comunità di fedeli appartenenti a ben 7 parrocchie. Dovrà infatti guidare le ‘anime’ di Soliera, San Terenzo Monti, Moncigoli, Rometta, Ceserano, Colla, Collecchia per i prossimi 9 anni don Maurizio Marchini, 71enne originario di Caniparola di Fosdinovo, prete ‘speciale’ dopo un matrimonio annullato 16 anni fa dalla Sacra Rota, e la nascita delle due figlie Lucia e Benedetta. Al suo fianco c’era il vescovo diocesano Giovanni Santucci, trenta fra sacerdoti e diaconi del Vicariato di Fivizzano e delle località limitrofe.

Il nuovo sacerdote è subentrato a don Emanuele Borserini, che nell’occasione fungeva da cerimoniere del Vescovo. Monsignor Santucci, con la verve che gli è propria ma con grande serenità, ha fatto partecipi i presenti della positiva notizia che «molti sono in questo momento i giovani presenti nel nostro Seminario che hanno ricevuto la chiamata...» ed ha tracciato con schiettezza la figura del sacerdote venuto ad amministrare le anime della vallata. «Preghiamo tutti per lui – ha detto il Vescovo – per questo suo impegno fatto di tante difficoltà». Fra i fedeli presenti nella chiesa durante la funzione c’erano anche il fratello di don Marchini Valentino, luogotenente dell’Aereonautica Militare in congedo con la consorte Antonietta e amici di scuola.

DON MAURIZIO, laurea in storia dell’arte ed una vita spesa nell’insegnamento, dal canto suo ha ringraziato pubblicamente il Vescovo Santucci «per avermi saputo ascoltare e per avere riposto in me la sua fiducia». E ai parrocchiani ha espresso il desiderio di ascoltarli, a gruppi per capire le loro esigenze». Questa settimana nella parrocchia di San Terenzo Monti si effettuerà la solenne esposizione delle sacre reliquie dell’omonimo Santo in preparazione della festa patronale del 15 luglio, il ‘Festone’. Cadendo la ricorrenza di domenica sarà un “battesimo del fuoco” per il nuovo sacerdote. «Ma io non verrò a raccontare ai fedeli la storia, i miracoli di San Terenzo – precisa don Maurizio – vorrei chiedere ai parrocchiani qual è oggi il loro rapporto col Santo...»