Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Massa Carrara, 7 settembre 2018 - Dopo la bufera che ha sconvolto ieri un intera città, oggi è stato il giorno dei primi interrogatori di garanzia per i dipendenti pubblici di Massa (Massa Carrara) coinvolti nell'inchiesta sull'assenteismo alla Provincia e al Genio civile di Massa che ha portato all'esecuzione di 26 misure agli arresti domiciliari, tra impiegati e funzionari della Provincia (8) e del Genio civile (18), e di tre divieti di dimora: in totale gli indagati sono 70. Davanti al gip Alessandro Trinci, secondo quanto emerso, i primi indagati interrogati si sono però avvalsi della facoltà di non rispondere. L'inchiesta, condotta dalla procura e dai carabinieri di Massa, avrebbe documentato attraverso migliaia di filmati, realizzati con telecamere sparse negli enti e per la città, i casi di assenteismo.

PER I DIPENDENTI DELLA REGIONE SCATTERA' IL LICENZIAMENTO 

Dovevano essere al lavoro e invece lasciavano indisturbati l'ufficio per dedicarsi alle loro faccende private (il video):

La loro posizione è grave per alcune concause. Lo scorso anno una «fuga di notizie» rivelò che sul portone di Palazzo Ducale c’era una telecamera che rivelava il via-vai delle persone. Gran parte degli assenteisti capì che era giunto il momento di guadagnarsi lo stipendio. E iniziò a lavorare. Questi sono gli indagati.

Ma gli altri, secondo l'ipotesi accusatoria, continuarono a fare quello che facevano, magari prendendo qualche precauzione in più. "In questi mesi di osservazione abbiamo scoperto che qualcuno non usciva più dalla porta principale ma dalla porta secondaria. E c’era persino chi usava la porta di casa del custode", rivela il tenente colonnello Tiziano Marchi, l’uomo che ha guidato i carabinieri del nucleo investigativo di questa delicatissima indagine.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.