Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Assenteismo a Massa, ecco chi sono e cosa facevano gli arrestati

Molti dipendenti in orario di lavoro uscivano dagli uffici per dare una mano nelle attività commerciali di famiglia. Altri ancora andavano dal parrucchiere e in palestra

Ultimo aggiornamento il 6 settembre 2018 alle 15:40
Dovevano essere al lavoro e invece lasciavano indisturbati l'ufficio

Massa Carrara, 6 settembre 2018 - Il comandante della polizia provinciale di Massa, l'autista del presidente della Provincia, un messo notificatore dello stesso ente e 10 funzionari del Genio civile di Massa sono - secondo quanto reso noto dagli investigatori - tra gli arrestati nell'ambito della maxi operazione contro l'assenteismo negli enti pubblici che ha portato questa mattina a 26 arresti domiciliari e per la quale sono coinvolti dipendenti della Provincia di Massa Carrara e del Genio civile.

Tra le situazioni illecite portate alla luce dagli inquirenti c'è quella di un dipendente che, con frequenza quasi giornaliera, dopo aver lasciato il posto di lavoro senza timbrare il cartellino, si recava al bar tabacchi di famiglia per lavorare al banco, ai tavoli e alla cassa del locale, senza alcun timore di essere notato dai colleghi che erano soliti frequentare quel bar-tabacchi. Ma non era l'unico. Erano numerosi gli impiegati che lasciavano i loro uffici per andare a dare una mano nelle attività di famiglia. 

Un altro dipendente dopo aver lasciato l'ufficio, in un orario in cui invece avrebbe dovuto lavorare, si recava al tabacchino rivendita di giornali di famiglia per effettuare servizio al banco, un altro dipendente ancora, sempre durante l'orario di lavoro, andava nel mobilificio di famiglia. Un altro impiegato invece frequentava la palestra, altri lasciavano l'ufficio per fare la spesa, altri ancora per andare dal parrucchiere. Il martedì invece era il giorno del mercato settimanale e le assenze dal lavoro si infittivano in maniera esponenziale. Infine non mancavano lunghe pause in bar e ristoranti, oltre alle uscite per  accompagnare i figli a scuola o da amici.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.