Mulazzo (Massa Carrara), 2 agosto 2018 - Con il taglio del nastro a Porta Genovese, ha preso il via l'edizione numero 35 di Bancarel'Vino. “Siamo particolarmente contenti e al contempo responsabilizzati di questo anniversario della rassegna che ci riguarda come Comune, ma soprattutto come territorio – ha detto il sindaco, Claudio Novoa –. Per questo abbiamo voluto cercare di rappresentare tutta la comunità vitivinicola della Val di Magra nel concetto di “Lunigiana storica”, un territorio prevalentemente toscano ma in parte ligure, che costituisce la porta del Mediterraneo e la porta d'ingresso della Toscana. Un giacimento di tantissime tradizioni e originalità culturali, qualcosa che abbiamo sempre cercato di celebrare. Adesso è arrivato il momento di toglierci di dosso provincialismo e sudditanza, prendendo coscienza che questo territorio è al pari di tante realtà molto più rinomate e celebrate a livello internazionale. Possiamo e dobbiamo rivendicare un ruolo di primo piano anche nel panorama enologico e gastronomico, forti delle profone radici culturali”.

Dopo l'anteprima, con la quale si è aggiunta una giornata alla consueta formula dei tre giorni, venerdì 3 agosto, si entra nel vivo della manifestazione. Alle 18, in concomitanza dell'apertura degli stand di degustazione, ci saranno gli interventi di saluto dei sindaci e delle autorità. Bancarel'Vino edizione numero 35 sarà infatti l'occasione per consacrare il sodalizio fra i tre Comuni di crinale: Mulazzo, Calice al Cornoviglio e Rocchetta Vara. Lo scopo è quello di valorizzare questa porta sul Mediterraneo. Si parlerà di Lunigiana storica: una identità culturale unica tra Toscana e Liguria, della quale i vini ne sono interpreti e ambasciatori nel mondo.

A seguire, alle 19 in piazza dei vini, una tavola rotonda accenderà i riflettori su “La riserva Mab Unesco del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano” e “La Via Marchesana, da Pavia ad Aulla, fra eccellenze tutte da scoprire”.

A valorizzare la tradizione culinaria del luogo, alle ore 19:30, sempre in piazza dei vini, il Salumificio Marsili presenta “Una storia di famiglia”, un cooking show durante il quale verrà data dimostrazione di insacco del salame con la macchinetta d'epoca e di disossatura del Duca di Tresana, il salume lunigiano. Al termine degustazione gratuita. E sempe due saranno i libri, legati dal fil rouge del territorio, che saranno presentati nella piazza dei vini. Si comincia alle ore 20:00 con “Tabacco e camomilla” opera prima di Erika Nani, Nata a Ferrara, ha vissuto metà della sua vita a Roma e si è poi trasferita con i genitori in Lunigiana, terra di cui parla nel suo romanzo.

Da 20 anni vende prodotti di bellezza per corpo e capelli. Estrosa, estroversa, dinamica, amante appassionata da sempre di scrittura e...anche brava a calcare il palco. La sua sarà infatti una presentazione di stampo attoriale da lei stessa eseguita.

Alle 21 sarà la volta di “Storie di una degustatrice astemia” (Trenta Editore) di Maddalena Baldini. Nata a Pontremoli, ha vissuto a Filattiera, ma da 20 anni si è trasferita a Milano, dove si è laureata. in Lettere Moderne con indirizzo di storia dell’arte e ha seguito un Master in marketing culturale ambientale ed enogastronomico. Per una serie di coincidenze si è trovata nella redazione de Il Mio Vino, una delle testate importanti del settore e da qui ha inziato il suo lavoro come caporedattrice. Da questo momento in poi ha intrapreso la sua professione di giornalista specializzata nel settore food & beverage anche se ha continuato a scrivere di Arte per importanti quotidiani come La Stampa di Torino. La lettura di alcuni brani tratti dal libro sarà affidata a Natalia Novoa. Come ogni giorno, il Ristorante di Bancarel'Vino, vedrà l'apertura dei suoi stand gastronomici alle 19. E per lo spettacolo serale, alle ore 21,30, a salire sul palco allestito in piazza Malaspina saranno i Datura, che inviteranno il pubblico a ballare sulle note della coinvolgente musica anni '90 con lo show dal titolo “We love the 90's”. Il divertimento sarà assicurato.