Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

«Avenza per Avenza» nella storia Tre giorni all’insegna del Medioevo

La grande festa a Casa Pellini sotto la Torre di Castruccio 

Ultimo aggiornamento il 23 agosto 2018 alle 11:09
Avenza medievale
Carrara, 23 agosto 2018 - Si dilata nel tempo e nello spazio Avenza medievale. Quest’anno si assisterà alle «Tre giornate di Avenza per Avenza». Stasera alle 21,30 (Casa Pellini, sotto la Torre di castruccio): 170esimo anniversario del «Governo provvisorio di Avenza» 1840 -2018 . Conferenza a cura di Pietro Di Pierro. L’avventura risorgimentale con strascichi fino ai nostri giorni, romanzata dall’intervento teatrale di Matteo Procuranti. Domani sera alle 21,30 (sempre a Casa Pellini, sotto la Torre di Castruccio): «A i er ‘na volta un top ricc» serata dialettale, special guest Castrucci Castracani. Sketch, poesia, musica, teatro: Direzione artistica di Renato De Rosa e con la partecipazione di Matteo Procuranti. Sabato 25 dalle 18,30 fino a tarda notte, nel centro storico di Avenza: Avenza Medievale «Ab urbe condita»: giochi, spettacoli, musica, artisti di strada, rievocazioni nel borgo dei talenti. Il gioco sarà il tema trainante della manifestazione di quest’anno, dalla tradizione al contemporaneo. Il tutto sarà accompagnato da un mercato straordinario in via Giovan Pietro. L’appuntamento col medioevo ad Avenza è ormai una tradizione ventennale che ha mutato in continuazione le sue performance, pur mantenendo il legame stretto tra Avenza e il suo esistere come “figlia della strada”, la “strata Romea seu Francigena” autostrada europea del medioevo all’incrocio con l’altra via che portava all’imbarco dei marmi dal monte al mare ma anche, viceversa, traffici dal mare ai mercati della val padana. Un piccolo borgo, alle prese con mille problemi, ma a contatto giornalmente con mezzo mondo e col gioco della vita.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.