Pubblico, sport, solidarietà: in una parola, “Lovari“

Patrizia Pecchia (Amici della Pallacanestro): "Nel tempo ha acquisito un’autorevolezza che richiama l’attenzione di tutte le squadre di serie A"

Pubblico, sport, solidarietà: in una parola, “Lovari“
Pubblico, sport, solidarietà: in una parola, “Lovari“

Successo di pubblico, spettacolo tecnico in campo, (ha vinto Derthona), solidarietà. Il Trofeo Lovari, edizione 2023, ha coniugato tutto questo. Oltre mille persone sempre presenti al Palatagliate nelle due serate, una vetrina continua sul basket lucchese con le quattro principali prime squadre presentate sul parquet, l’esibizione del basket in carrozzina da parte del Wolf Pistoia, la visita di una delegazione dei club partecipanti al reparto di Pediatria dell’ospedale San Luca e sette nuovi riconoscimenti come soci onorari fatti da parte di Amici della Pallacanestro Lucca – Luca Del Bono onlus.

"Il Trofeo Lovari nel tempo ha acquisito un’autorevolezza che richiama l’attenzione di tutte le squadre di serie A - dice la presidente degli Amici della Pallacanestro Lucca, Patrizia Pecchia - , questo perché da sempre mettiamo attenzione alle esigenze del lavoro delle squadre curando gli aspetti che permettono loro di lavorare. L’aspetto organizzativo diventa senz’altro più impegnativo, ma il nostro obiettivo è quello di smuovere l’attenzione della città nei confronti della pallacanestro e vedere tante persone, famiglie e soprattutto giovani in tribuna è la cosa che più ci esalta. Per questo teniamo molto alle esibizioni, come quella del basket in carrozzina, e a presentare sul parquet le squadre lucchesi, in modo da portare l’attenzione sul movimento di casa nostra".

A partire dal 2015 grazie al Trofeo Lovari sono stati destinati 25mila euro a sostegno delle famiglie che hanno difficoltà economiche per iscrivere i propri figli ai corsi di minibasket, sono stati dati contributi annuali per l’organizzazione del campionato di baskin e sono stati ideati e portati a termine progetti concreti come il nuovo parquet del Palatagliate o il rifacimento del campino di San Filippo.

Oltre ai quattro allenatori delle squadre, Marco Ramondino, Neven Sphaija, Maurizio Buscaglia e Nicola Brienza, anche tre importanti personaggi del mondo della pallacanestro lucchese sono scesi sul parquet del Palatagliate per ricevere la polo onoraria degli Amici della Pallacanestro Lucca.

Si tratta di Stefano Della Rosa, playmaker della Pallacanestro Lucca ai tempi della Lucart e poi dirigente storico del Pistoia Basket, uno degli artefici del ritorno della squadra in serie A; Gian Paolo Drocker, capitano storico della PL e poi del Cmb, che per quasi venti stagioni ha difeso i colori della città frantumando ogni record di realizzazione; e Umberto Vangelisti, prima allenatore e poi dirigente, asse portante del mondo della palla a spicchi.

Massimo Stefanini