Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

Lucchese, patto d’acciaio Deoma-Pagliuca

Il diesse: "Il trainer sarà il centro del progetto, si è guadagnato la riconferma biennale con i buoni risultati ottenuti sul campo"

Il binomio tra Pagliuca (a sinistra) e Deoma pare diventare sempre più inossidabile: hanno in mente una Lucchese più forte
Il binomio tra Pagliuca (a sinistra) e Deoma pare diventare sempre più inossidabile: hanno in mente una Lucchese più forte
Il binomio tra Pagliuca (a sinistra) e Deoma pare diventare sempre più inossidabile: hanno in mente una Lucchese più forte

Daniele Deoma è tornato a parlare del prolungamento del contratto di Guido Pagliuca e della situazione contrattuale della squadra. "Il rinnovo biennale, il mister – ha affermato il ds – , se lo è guadagnato sul campo, con il lavoro, con l’abnegazione. Possiamo finalmente dare continuità a quanto impostato e partire con maggiore serenità, dopo un triennio a tratti decisamente tribolato. La scelta è stata facile. A oggi abbiamo una decina di giocatori sotto contratto e, a breve, inizieremo a discutere con altri i rinnovi, per poter garantire continuità a una squadra che, comunque, rinforzeremo: dopo la conferma di uno zoccolo duro, vedremo anche dove e come intervenire. L’importante è non sbagliare i giovani che sono fondamentali. Lavoreremo molto con il mister in tal senso, confrontandoci tutti insieme per sbagliare il meno possibile".

"Alzare l’asticella? Ci proveremo. Quella di quest’ anno – ha aggiunto Deioma – è stata un’ottima base di partenza, sulla quale vogliamo continuare a sviluppare il nostro progetto. Come dicevo prima, nel segno della continuità". Nei prossimi giorni Deoma incontrerà i procuratori dei vari Belloni, Picchi, Minala, Bachini, Baldan, Plai che hanno il contratto in scadenza a giugno, otre a quelli ancora con un anno di contratto, come Semprini, Corsinelli, Nannini, Visconti, Cucchietti con i quali sarà discusso l’eventuale prolungamento. Poi, con calma, confrontandosi sempre con il trainer, Deoma inizierà a visionare i profili degli attaccanti di un certo spessore che la Lucchese vorrebbe portare in organico nell’ottica di alzare l’asticella, ma senza superare il "tetto" massimo previsto per l‘ingaggio di punte da doppia cifra.

Il discorso è sempre il solito: quelle che hanno segnato molto hanno o pretendono ingaggi fuori budget ed allora bisognerà avere la fortuna e l’abilità di andare su due attaccanti, perché sono quelli che serviranno per colmare la lacuna di quest’anno, sicuramente di categoria, ma con pretese economiche in linea con il budget stabilito dalla società. Ecco, allora, che si preannuncia una ricerca lunga e complessa, con una sostanziale differenza rispetto al recente passato. Oggi la Lucchese ha davanti a sé molto tempo prima di prendere decisioni.

Da domani scatterà il fatidico "sciogliete le righe". E, mentre i rossoneri sono in vacanza, il campionato va avanti con i play-off. Dopo i primi due turni, queste le squadre che si sono qualificate per la fase finale, che si svolgerà con altri due turni: Padova, Feralpisalò, Renate, Triestina e Juventus Under 23 per il girone "A"; Reggiana, Cesena, Entella e Pescara per il girone "B"; Catanzaro, Palermo e Monopoli per il "C".

Intanto si è svolto a Firenze il sorteggio del primo turno nazionale. Saranno gare di andata e ritorno tra domenica 8 maggio e giovedì 12 maggio. Le cinque teste di serie (Feralpisalò, Entella, Palermo, Cesena e Renate) giocheranno la prima in trasferta e la seconda in casa. Questi gli accoppiamenti: Pescara-Feralpisalò, Foggia-Entella, Triestina-Palermo, Monopoli-Cesena e Juventus Under 23-Renate.

Emiliano Pellegrini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?