Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Giro della Toscana Donne, torna a vincere un'italiana, è Soraya Paladin

La trevigiana si aggiudica la classifica generale

di ANTONIO MANNORI
Ultimo aggiornamento il 9 settembre 2018 alle 19:09
Soraya Paladin

Capannori (Lucca), 9 settembre 2018 - Una tappa scoppiettante e decisiva per il Giro della Toscana, con ripetute protagoniste dalla Lepisto alla Hanselmann, e quindi a due bravissime italiane ed azzurre, Paladin e Confalonieri. Così dopo 11 anni un atleta italiana torna a vincere la corsa che ricorda Michela Fanini.

Soraya Paladin, trevigiana, classe 1993, del Team Alè Cipollini la superba protagonista entrata in azione nel finale quando si è scatenata staccando le rivali al secondo passaggio sulla salita di Valgiano. Gli ultimi 9 Km sono stati un duello a distanza tra la fuggitiva e la bravissima inseguitrice Confalonieri, che in classifica aveva un margine di 4” sulla Paladin, giunta da autentica trionfatrice sul traguardo di Capannori con mezzo minuto di vantaggio e quindi oltre alla tappa anche la conquista della maglia rosa e la vittoria nel Giro della Toscana 2018.

C’era attesa per l’ultima tappa. I distacchi in classifica alle spalle della maglia rosa, la cubana Arlenis Sierra erano contenuti, e la frazione finale della corsa proponeva un tracciato con 4 passaggi dal breve e facile dislivello di Segromigno in Monte, e con la doppia scalata di Valgiano negli ultimi 35 Km.

Protagonista brillante con una travolgente azione la finlandese Lepisto vincitrice della crono di Campi, staccata in classifica di 34”, che ha dato vita a una fuga assieme alla Persico, Quest’ultima attorno al 50° Km ha mollato mentre l’atleta della Cervelo Bigla ha proseguito facendo man bassa dei vari gran premi della montagna e dei traguardi volanti restando a lungo la virtuale leader della classifica.

Dietro si era formato nel frattempo un drappello di una decina di atlete che si riportava sulla generosa battistrada all’inizio della salita di Valgiano dopo 84 Km. Lungo l’ascesa sono in 26 a restare sulla testa della gara sempre incerta ed avvincente. A 25 Km dal traguardo l’attacco della svizzera Hanselmann ripresa dalla Confalonieri, terza in classifica e dalla Paladin.

Quest’ultima attaccava con decisione sul Valgiano dietro le inseguitrice capitanate dalla Confalonieri. Era un duello tra le due italiane risolto magistralmente dalla Paladin.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Soraya Paladin (Team Alè Cipollini) Km 121,8, in 3.15’12”, media Km 37,193; 2) Maria Giulia Confalonieri (Valcar PBM) a 28”; 3)Elena Franchi (Conceria Zabri) a 44”; 4)Tetiana Riabchenko (Ukraina); 5)Olga Shekel (Michela Fanini) a 1’34”; 6)Bertizzolo; 7)Leleivyte; 8)Wright (Gbr); 9)Sierra; 10)Santesteban.

CLASSIFICA GENERALE: 1)Soraya Paladin (Team Alè Cipollini) Km 257, in 6.36’48”, media Km 38,811; 2)Maria Giulia Confalonieri (Valcar PBM) a 30”; 3)Tetiana Riabchenko (Ukraina) a 1’30”; 4)Arlenis Sierra (Astana Womens) a 1’31”; 5)Elena Franchi (Conceria Zabri) a 1’32”; 6)Sophie Wright (Cervelo Bigla) a 1’45”; 7)Sofia Bertizzolo (Astana Womens)s.t.; 8)Olga Shekel (Michela Fanini) a 1’47”; 9)Ane Santesteban (Team Alè Cipollini) a 1’53”; 10)Diana Klimova (Russia) a 1’54”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.