Gli operai di Kme hanno denunciato danni alle loro auto (foto d'archivio)
Gli operai di Kme hanno denunciato danni alle loro auto (foto d'archivio)

Fornaci di Barga (Lucca), 14 marzo 2019 - Gomme bucate, chiodi e viti sparse nel parcheggio, danni alle auto in sosta. I lavoratori di Kme ed Em Moulds denunciano gravi episodi di vandalismo alle loro auto parcheggiate nelle aree di sosta Luigi Orlando e Pier Luigi Del Frate a Fornaci di Barga. Da qualche settimana, dicono dal sindacato, si sta verificando un’escalation preoccupante ai danni dei dipendenti. «Questi episodi ci sono stati segnalati proprio da alcuni di loro che hanno subito danni e dispetti ma anche da tanti che vivono con il timore di subirlo – scrivono le Rsu Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm di Kme Italy ed Em Moulds - Inizialmente sono state fatte alcune forature a cui davano poco peso, pensando fosse una casualità. Poi, però, hanno verificato che il parcheggio Orlando era stato cosparso di chiodi e viti: quindi si è trattato di dispetti veri e propri, organizzati a spregio per recare un danno ai lavoratori». Un crescendo di episodi che pare sia aumentato anche di gravità con il passare dei giorni: «Dal tentativo di foratura dei pneumatici sono passati ai danni alle carrozzerie, con righe e graffi lungo le fiancate di alcune auto parcheggiate al parcheggio Del Frate – proseguono le Rsu - Episodi spregevoli che vanno condannati: è inaudito che ogni giorno i dipendenti si rechino al lavoro per portare a casa lo stipendio e si ritrovino a dover spendere parte di questo per riparare le malefatte causate ai propri veicoli da persone inqualificabili. I lavoratori chiedono alla nostra rappresentanza sindacale di farsi portavoce verso le istituzioni locali e le forze dell’ordine affinché vengano intensificati i controlli in queste due aree».

L’appello è rivolto anche al Comune: "Sarebbe molto importante se l’amministrazione di Barga si interessasse di questi casi e predisponesse in questi parcheggi la videosorveglianza, per aumentare la sicurezza dei propri cittadini ma anche di tutte le persone che ci parcheggiano. Nel frattempo – concludono - chiediamo a Kme di accogliere la nostra richiesta, già avanzata da tempo, di creare un parcheggio per i dipendenti all’interno delle sue proprietà, e nel frattempo che utilizzi la propria sorveglianza per dei sopralluoghi nei due parcheggi durante le ore del turno notturno. Crediamo che oltre all’inciviltà ci sia molta cattiveria: ci auguriamo vivamente che questi episodi spregevoli non si ripetano e si ritorni ad una situazione di normalità".