L’anziano è stato rintracciato e arrestato dalla Polizia: il giudice ha convalidato e rimesso in libertà
L’anziano è stato rintracciato e arrestato dalla Polizia: il giudice ha convalidato e rimesso in libertà
E’ tornato in azione per l’ennesima volta a San Concordio l’uomo che da qualche tempo la sera si diverte a spaccare i finestrini e a danneggiare a colpi di bastone o spranga la carrozzeria delle auto in sosta nel quartiere. Ma stavolta il danneggiatore seriale è stato arrestato grazie all’intervento della polizia. Sorpresa: non si tratta di un giovane “sbandato“ o di qualche baby gang, bensì di un anziano, Giuliano Pacchini, ex artigiano di 75 anni. I motivi...

E’ tornato in azione per l’ennesima volta a San Concordio l’uomo che da qualche tempo la sera si diverte a spaccare i finestrini e a danneggiare a colpi di bastone o spranga la carrozzeria delle auto in sosta nel quartiere. Ma stavolta il danneggiatore seriale è stato arrestato grazie all’intervento della polizia. Sorpresa: non si tratta di un giovane “sbandato“ o di qualche baby gang, bensì di un anziano, Giuliano Pacchini, ex artigiano di 75 anni. I motivi di tanta rabbia scatenata a casaccio? Restano un mistero. In più occasioni l’uomo ha persino negato di esserne il responsabile.

L’ultimo episodio violento è accaduto lunedì intorno alle 23,30. L’uomo, che nei giorni scorsi aveva già spaccato finestrini alle auto nel parcheggio dell’Istituto Vendite Giudiziarie in viale San Concordio (in quell’occasione fu ricoverato in ospedale e denunciato per danneggiamento) ha nuovamente colpito, frantumando i fari e divellendo i cartelli dei lavori in corso di via Puccetti.

Ma in seguito alle urla del proprietario di un’auto danneggiata, il vandalo è fuggito e ha nascosto la sbarra di ferro che aveva utilizzato per il suo raid. La polizia, che è stata guidata sul posto dall’uomo che aveva scoperto l’episodio vandalico, è arrivata però immediatamente sul posto, ha rintracciato il 75enne e l’ha portato in questura.

E’ emerso a quel punto che solo poche ore prima la stessa persona aveva danneggiato l’insegna di un esercizio commerciale e danneggiato un’auto in sosta davanti a un’abitazione di via Consani, sempre nel quartiere di San Concordio. Nel caso del negozio era stato necessario l’intervento della polizia e in seguito all’intervento del medico del 118 l’uomo era tornato a casa. Si è trattato del quinto episodio di danneggiamento commesso dall’uomo in appena due settimane, sempre con le stesse modalità. Gli agenti delle volanti, dopo l’identificazione, l’hanno quindi condotto agli arresti domiciliari. Ieri mattina l’arresto di Giuliano Pacchini è stato convalidato in tribunale e l’uomo è stato poi rimesso in libertà dal giudice, senza alcun obbligo.

Restano al momento sconosciute le ragioni di questi danneggiamenti seriali, anche perché, a quanto pare, l’anziano prende di mira auto a caso. In più di una occasione l’uomo ha anche rischiato il linciaggio da parte dei proprietari accortisi dell’accaduto.