Per loro sono arrivati in tutto 2.400 euro di multa
Per loro sono arrivati in tutto 2.400 euro di multa

Lucca, 13 aprile 2019 - In auto o a piedi. Ma tutti con un bel fardello sulle spalle. Sacconi di immondizia pronti per essere scaricati, alla chetichella, dove pensavano che nessuno se ne potesse accorgere: dietro il cimitero di Santa Maria a Colle. Dove era nata una discarica abusiva in piena regola, vicino a tre bidoncini. Ed è lì che gli occhi elettronici della polizia municipale li hanno pizzicati in flagranza. A essere incastrati delle fototrappole sono stati quattro residenti di varie frazioni dell’Oltreserchio che venivano a scaricare lì le loro utenze domestiche. L’annuncio è arrivato ieri dall’assessore all’Ambiente, Francesco Raspini.

«Continuano senza sosta – ha commentato – i servizi della polizia municipale sull’abbandono dei rifiuti in giro per il territorio comunale. Per tutti quelli che continuano, ogni giorno, a disfarsi dei loro rifiuti facendone pagare il costo – economico ed ambientale – alla collettività, l’avviso che prima o poi la stessa sorte toccherà anche a loro».

I quattro cittadini incastrati dalle telecamere, adesso, si vedranno recapitare un multone da 600 euro ciascuno. Ma i loro guai potrebbero non finire qui. I vigili infatti controlleranno anche se i trasgressori siano in regola con le tariffe sui rifiuti e se non si tratti di utenze fantasma. «Se non saranno a ruolo – ha concluso Raspini – verranno obbligati a pagare tutte le tariffe arretrate evase che, una volta riscosse, determinano una diminuzione del carico fiscale per tutti gli altri». La linea dura di Palazzo Orsetti contro chi sgarra era scattata a gennaio con l’annuncio di varie fototrappole seminate lungo il territorio comunale. Le ultime multe erano toccate pochi giorni fa a un cittadino beccati a scaricare due sacconi di rifiuti vicino a un centro commerciale di San Vito.

cla.cap