Lucca, 14 gennaio 2021 - Un ragazzino di 15 anni e mezzo ricoverato all’ospedale San Luca, in prognosi riservata per una coltellata all’addome. E’ la drammatica conclusione di una violenta rissa scoppiata a Sant’Alessio tra due gruppi di giovanissimi lucchesi, una dozzina in tutto, che si sono affrontati tre sere fa. Sull’accaduto, di concerto con la Procura minorile, indaga ora la Polizia, che sta cercando di identificare i responsabili e in particolare l’accoltellatore.

Lo sconcertante episodio sarebbe stato originato da motivi piuttosto banali e forse proprio per questo motivo appare ancora più agghiacciante. Secondo alcuni coetanei all’origine di tutto ci sarebbe stato un reciproco scambio di battute ironiche e un po’ troppo colorite rivolte all’indirizzo di qualche ragazzina appartenente all’uno e all’altro gruppo, avvenuto nei giorni precedenti. Dalle parole i ragazzi sono però passati poi alle minacce reciproche e la tensione si è fatta palpabile. A quel punto hanno deciso di darsi tutti quanti appuntamento tre sere fa a Sant’Alessio in una zona appartata, per chiarirsi.

Ma, come spesso accade, quello che doveva essere un chiarimento faccia a faccia si è ben presto trasformato in un violento “regolamento di conti“. I due gruppi formati da una decina di ragazzi Minorenni più due o tre maggiorenni sono passati dal confronto verbale alla rissa vera e propria. Sono volati pugni e calci all’indirizzo dei rivali, in un crescendo di violenza e a un certo punto è spuntato anche un coltello.

Ad avere la peggio negli scontri è stato un ragazzo di quindici anni e mezzo che è stato accoltellato all’addome e ha riportato una lesione piuttosto seria. Il giovane è stato poi soccorso ed è stato trasportato in ospedale. E’ tuttora ricoverato al San Luca in prognosi riservata. Non è in pericolo di vita, ma i medici che l’hanno preso in cura devono ancora stabilire con esattezza i tempi di guarigione, perché la lama gli ha causato alcune lesioni interne.

Sull’accaduto indaga adessop la polizia che sta ricostruendo con attenzione in queste ore quanto accaduto a Sant’Alessio, procedendo anche all’identificazione dei vari partecipanti alla violenta rissa. Si tratta a quanto pare di soggetti minorenni, ma sarebbero coinvolti nella violenta rissa almeno un paio di ragazzi maggiorenni. Le indagini, coordinate dalla Procura minorile di Firenze, sono tuttora in corso. Dalle prime testimonianze sarebbe stato anche individuato l’autore dell’accoltellamento, anch’egli minorenne. Quello che più sconcerta è proprio la giovanissima età dei protagonisti e la violenza di cui si sono resi capaci per futili motivi.
 

Paolo Pacini