FORNOLI

Nulla di fatto nell’incontro di ieri mattina in video conferenza tra la dottoressa Trimarchi della Prefettura di Lucca, il sindaco di Bagni di Lucca Paolo Michelini e Poste Italiane. L’incontro, promosso dalla Prefettura, verteva sulla chiusura dello sportello di Fornoli tre volte alla settimana nei mesi di luglio e agosto, contestata dall’amministrazione comunale e disapprovata dalla popolazione. La decisione adottata dalla Direzione di Poste Italiane non è stata modificata e il nuovo orario ridotto resterà in vigore per tutto il periodo previsto.

Il sindaco Michelini ha rimarcato le ragioni della sua contrarietà sulla chiusura dell’Ufficio di Fornoli, che crea grave disagio e disservizio a tutta la comunità, in quanto lo sportello serve un terzo della popolazione residente in Bagni di Lucca, tutta la vasta zona della Fegana e vi gravita inoltre anche la frazione di Chifenti del comune di Borgo a Mozzano. Il sindaco, tuttavia, ha dovuto prendere atto, suo malgrado, di questa decisione irrevocabile di Poste Italiane spa stigmatizzandone il comportamento unilaterale che non ha voluto ascoltare suggerimenti e proposte alternative, anche contro la prassi degli anni passati quando tali accordi venivano concordati a livello locale.

Marco Nicoli