Internet
Internet

Lucca, 12 aprile 2019 - Cercava di vendere su internet i palloni rubati in palestra: un ragazzino di 14 anni, residente nella piana lucchese, studente di terza media, è stato identificato e denunciato dai carabinieri di Lucca per il reato di ricettazione. Durante la perquisizione domiciliare, eseguita nella casa dove vive il minorenne, i carabinieri hanno recuperato 10 palloni da basket e 3 da volley, tutti provento di furto commesso nei giorni precedenti ai danni di una palestra di Porcari.

Successivamente al furto, il ragazzino aveva pensato di guadagnare qualcosa mettendo in vendita il materiale su un noto sito internet, dove però, qualcuno dei frequentatori della palestra ha riconosciuto i palloni rubati, segnalando l'inserzione sospetta ai carabinieri. I militari sono giunti al minore grazie all'utenza telefonica, intestata ai suoi genitori, che il 14enne aveva pubblicato con l'annuncio.

Inizialmente i carabinieri si sono finti clienti, ma giunti a casa del ragazzino hanno invece eseguito il decreto di perquisizione domiciliare nel frattempo emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Firenze, recuperando buona parte del materiale asportato, occultato in una cantina. Il giovanissimo ha provato a giustificarsi dicendo di aver rinvenuto il palloni occultati tra la vegetazione nei pressi della palestra violata, ma di non sapere nulla in merito al furto. I 13 palloni saranno restituiti ai gestori della struttura sportiva, mentre il giovanissimo, da poco 14enne, dovrà già difendersi da un'accusa di ricettazione.