"Momento storico". Mura, ex Vivai Testi tornano al Comune. Ma qui niente eventi

Soddisfazione da parte del sindaco e dall’assessore al Bilancio "Abbiamo avuto un’importante interlocuzione con i proprietari".

"Momento storico". Mura, ex Vivai Testi tornano al Comune. Ma qui niente eventi

"Momento storico". Mura, ex Vivai Testi tornano al Comune. Ma qui niente eventi

"Momento storico", non usa un’espressione da poco il sindaco Pardini che nella mattina di ieri ha annunciato il ritorno al Comune dell’ultima porzione degli spalti delle Mura dopo tanti tentativi andati a vuoto. A riportare gli ex vivai Testi, posti nella parte nord degli spalti, ci avevano provato in tanti nel corso degli ultimi decenni, ma solo l’attuale amministrazione è riuscita a restituire alla città questa porzione di Mura (anch’esso vincolato).

A darne l’annuncio, accanto al sindaco, l’assessore al Bilancio Moreno Bruni, il consigliere comunale Elvio Cecchini e i tecnici comunali. L’area acquisita, che ha una superficie complessiva di 32.830 mq e che si estende fra viale Carlo Del Prete e gli spalti già annessi alle Mura, avrà un costo di 482.750 euro che verrà suddiviso fra i diversi attuali proprietari degli ex vivai Testi. La somma necessaria sarà messa a disposizione dall’avanzo libero di amministrazione all’esercizio finanziario del 2023, che complessivamente ammonta a 11 milioni e 74mila euro.

"Consideriamo il ripristino completo del monumento delle Mura e dei suoi spalti un atto dovuto da parte dell’amministrazione comunale nei riguardi di tutta la comunità - dichiarano Pardini e Bruni - . Le Mura rinascimentali di Lucca costituiscono infatti uno dei maggiori esempi di fortificazione urbana del periodo in Europa. Per lo straordinario livello di integrità e conservazione, per l’importanza monumentale che posseggono e per il ruolo determinante che ancora oggi mantengono nel contesto urbano, come amministrazione ci siamo mossi fin da subito per poter arrivare al risultato che oggi possiamo annunciare con grande soddisfazione. È nostra intenzione recuperare questa parte degli spalti delle Mura, che già erano stati oggetto di una prima sistemazione due anni fa da parte della proprietà, e non prevediamo quindi nessun intervento invasivo per realizzare strutture di alcun tipo, ma semplicemente la presenza di manto erboso, in continuità con quella che è la natura e il grado di conservazione del nostro più importante monumento e parco cittadino".

"Con i proprietari abbiamo avuto un’importante interlocuzione - aggiungono Pardini e Bruni - che ci ha permesso di addivenire a questo storico risultato per la città di Lucca. Intendiamo quindi ringraziarli uno ad uno, dal momento che questo obiettivo non sarebbe stato colto se da parte loro non ci fosse stata la disponibilità e la necessaria sensibilità".

Circa l’ipotesi di una possibile utilizzazione per eventi (ipotesi valutata all’epoca della giunta Tambellini), il sindaco ha escluso lo scenario. Almeno nel breve periodo. "Tra venti anni non saprei - precisa Pardini - , ma ad oggi è stato dimostrato, anche con il concerto del maestro Muti, che il luogo giusto è nell’area del campo Balilla. Oggi non è un’opzione". L’acquisto dell’area degli ex vivai Testi si concretizzerà ora attraverso dapprima una delibera di consiglio comunale e poi un rogito, che sarà sottoscritto dalle parti una volta che saranno portate a termine alcune pratiche catastali, entro la fine di quest’anno. L’area sarà ceduta così come si presenta oggi e dunque il Comune dovrà effettuare una serie di interventi.

Fabrizio Vincenti