Polizia
Polizia

Lucca, 26 marzo 2020 - In più occasioni aveva picchiato i familiari provocando, in alcuni casi alla sorella più piccola e alla madre anche delle lesioni e, lo scorso mese di agosto aveva inoltre minacciato con un coltello un altro congiunto. Per questo un 24enne è stato arrestato dalla polizia di Lucca. La squadra mobile, fanno sapere gli investigatori, ha eseguito un'ordinanza del giudice per le indagini preliminari, che ha disposto la misura cautelare della custodia in carcere emessa su richiesta della procura della Repubblica di Lucca a seguito di una lunga indagine.

Le prime segnalazioni risalgono al marzo 2019 quando i familiari, in virtù delle ripetute violenze, chiesero per il ragazzo un ammonimento del questore. Per l'allora 23enne fu attivata anche l'unità funzionale 'Ascolto uomini maltrattanti' ma le violenze, spesso scaturite dal diniego da parte dei genitori alle sue richieste di denaro, continuarono. Qualche mese dopo la famiglia si rivolse nuovamente alle forze dell'ordine. Nel corso dell'indagine, ulteriori segnalazioni sono giunte dal reparto di psichiatria dell'ospedale San Luca di Lucca, dove nel frattempo il ragazzo era stato accolto per seguire un percorso di sostegno, percorso spesso interrotto con la fuga dal reparto.