Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
26 gen 2022

"L’Asbuc di Vagli è da commissariare"

Lo sostiene il Gruppo d’intervento giuridico Odv che interviene nel dibattito sulla proposta di conciliazione col Comune

26 gen 2022
Ambientalista tra le cave di marmo contro l’attività estrattiva
Ambientalista tra le cave di marmo contro l’attività estrattiva
Ambientalista tra le cave di marmo contro l’attività estrattiva
Ambientalista tra le cave di marmo contro l’attività estrattiva
Ambientalista tra le cave di marmo contro l’attività estrattiva
Ambientalista tra le cave di marmo contro l’attività estrattiva

La situazione complessa che coinvolge il comune di Vagli Sotto, la sua amministrazione separata dei beni a uso civico e la proposta di conciliazione amministrativa in corso, è sempre più sotto i riflettori. A intervenire in queste ore è Il Gruppo d’Intervento Giuridico Odv, associazione ambientalista da anni impegnata nella difesa delle Alpi Apuane contro lo sfruttamento delle cave di marmo. "Chiediamo, con la nostra terza istanza in merito - dettaglia il presidente Stefano Deliperi - che vengano finalmente rese effettive le statuizioni della sentenza dell’11 giugno 2019. La stessa aveva restituito alle collettività locali di Vagli Sotto e di Stazzema decine e decine di ettari di terreni a uso civico, occupati illegittimamente e in parte destinati ad attività estrattiva. Inoltre, chiediamo che non si dia corso a una proposta di conciliazione fra il comune e la Asbuc in tema di divisione delle “terre contese“. In sintesi, non avendo una effettiva conoscenza della legittimità della composizione degli attuali organi direttivi dell’amministrazione separata dei beni a uso civico di Vagli Sotto - continua la nota - né della stessa possibilità di giungere a una conciliazione in via amministrativa, la questione potrebbe essere chiusa. La situazione di Asbuc, del resto, era già stata discussa e in una nota del 31 marzo del 2021 la Regione Toscana aveva richiamato il comune di Vagli Sotto, circa il tentativo di accreditare quale gestore del demanio civico di Vagli Sotto e Stazzema l’ente di amministrazione separata dei beni a uso civico, già dichiarato non validamente costituito. Condizione data. In quanto i membri del Comitato eletto risultavano essere incompatibili con il ruolo, poiché coincidenti con le persone del sindaco, vice sindaco e consiglieri dello stesso comune di Vagli Sotto". "La sentenza - spiega ancora il presidente Deliperi - è dunque un atto dovuto in esecuzione di quanto ordinato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?