La casa distrutta. Nel riquadro la giovane vittima (Foto Borghesi)
La casa distrutta. Nel riquadro la giovane vittima (Foto Borghesi)

Borgo a Mozzano (Lucca), 22 gennaio 2020 - Una tragedia che lascia sotto choc un'intera comunità. E' l'incendio costato la vita, nella notte tra martedì e mercoledì, a una quattordicenne di Borgo a Mozzano, Giulia Salotti. Una vita piena di sogni e speranze spezzata ai suoi albori, un rogo maledetto che ha fatto piombare nel lutto la Lucchesia.

Con il padre della giovanissima in ospedale per le conseguenze delle ustioni e la madre che vive fuori e che, accorsa di notte sul luogo del disastro, è rimasta coinvolta in un incidente stradale. Una notte maledetta. Adesso l'autopsia e una serie di perizie tecniche nella casa colonica cercheranno di far maggiormente luce sul disastro.

Potrebbe essere stato un ritorno di fiamma da un camino a innescare il rogo, che ha subito attaccato la casa in cui Giulia in quel momento stava dormendo. Con lei in casa anche il padre, Massimiliano Salotti, 49 anni, architetto e insegnante. Ha cercato in tutti i modi, quando si è svegliato per l'incendio, di raggiungere sua figlia e portarla fuori.

In quei minuti di terrore Giulia ha prima chiamato gli zii al telefono, poi si è rifugiata sotto il letto della sua stanza. E' lì che l'hanno trovata i vigili del fuoco, che hanno lottato contro le fiamme per arrivare alla giovanissima. Un altissimo sbarramento di fiamme, che aveva bloccato anche gli operatori del 118 giunti velocemente sul posto. Morta per le conseguenze della mancanza di ossigeno e per l'inalazione di fumo. 

Questa la prima ricostruzione, che adesso deve essere approfondita con una serie di relazioni tecniche. E l'autopsia. La procura di Lucca ha aperto un'inchiesta sul caso. 

La casa colonica, pian terreno e primo piano, è diventata inagibile per il rogo. L'incendio si è esteso a tutte le stanze attaccando rapidamente arredi, suppellettili, oggetti, libri, mobili. Padre e figlia dormivano in parti diverse della casa. Il padre, che ha diverse ustioni, non è in pericolo di vita ma è in stato di choc. 

In ospedale c'è anche la madre della 14enne per le conseguenze, non gravi, di un incidente stradale: chiamata dai parenti nella notte, stava raggiungendo in auto Borgo a Mozzano ma la vettura è finita contro un muretto della statale dell'Abetone e del Brennero. Stamani all'Iti Ferrari di Borgo a Mozzano il banco di Giulia era vuoto ed è anche così che i compagni di scuola hanno saputo l'accaduto. In lutto anche l'Istituto Comprensivo di Bagni di Lucca dove Massimiliano Salotti insegna. 

E il cordoglio tocca anche Lucca. La Lucchese ha chiesto alla Lega Dilettanti di poter osservare un minuto di silenzio nella prossima partita interna con il Ghiviborgo. Mentre è lutto cittadino a Borgo a Mozzano, come ha disposto il sindaco Patrizio Andreuccetti