Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

I fiori in omaggio ai due operai

Lucca, 4 settembre 2018 - Ladri davvero senza cuore in via Veneto. Ladri di ricordi e di emozioni. Qualcuno durante il fine settimana ha infatti portato via due vasi da fiori che erano stati collocati nel punto dove un anno fa persero la vita Eugenio Viviani e Antonio Pellegrini, i due operai deceduti nel crollo della gru su cui stavano lavorando per sistemare i portalumini inn vista della processione di Santa Croce.
 
Un furto sconcertante sotto ogni punto di vista, anche perché sembra quasi impossibile che l’autore non si sia reso conto del valore simbolico di quelle piantine sistemate sui gradini a fianco di palazzo Pretorio, in un luogo dove sabato è stata apposta anche la lapide commemorativa. Amareggiati i familiari e gli amici dei due operai. 
 
«Devono vergognarsi...», sbotta un amico delle due vittime, fermo davanti al luogo della tragedia. «Non è possibile che ci sia gente che se ne frega di una tragedia di questa portata e ruba delle piante in fiore in questo modo... Purtroppo non è neppure la prima volta. Eppure tutti sanno quello che è accaduto qui in via Veneto. Persino le guide turistiche danno spesso spiegazioni ai turisti che chiedono il motivo di questi fiori... Una vergogna davvero».
 
Nel frattempo altre persone hanno tuttavia sistemato sul posto fiori e piantine per sopperire allo sconcertante furto e per ricordare in modo semplice ma profondo questa tragedia che ha toccato tutta la città. I familiari preferiscono non commentare l’accaduto, chiusi in un comprensibile dolore, acuito in questi giorni dallo scandire dell’anniversario stesso e anche da questo gesto vigliacco.

Proprio sabato era stata scoperta dal sindaco Tambellini e dal vescono Castellani, sul lato di palazzo Pretorio, la targa dedicata ad Antonio ed Eugenio. Un omaggio doveroso, ma anche una ferita che si riapre e un silenzio spezzato da nuovo dolore. Il tutto in attesa che si concluda l’inchiesta della Procura e che si arrivi a fare piena luce sulle cause e le responsabilità di questa duplice tragedia. Che non fu una fatalità.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.