di Daniele Masseglia La piazza XXIV Maggio del futuro non avrà più la viabilità centrale, che attualmente divide in due l’area, ma sarà un tutt’uno omogeneo e suddiviso in molteplici spazi da vivere potenzialmente 365 giorni l’anno. L’idea è di un nuovo grande contenitore, di estensione pari a una volta e mezzo piazza Duomo, che contemplerà anche la presenza di una duna urbana e innovazioni tecnologie come le colonnine per ricaricare lo smartphone. A ridisegnare la “seconda...

di Daniele Masseglia

La piazza XXIV Maggio del futuro non avrà più la viabilità centrale, che attualmente divide in due l’area, ma sarà un tutt’uno omogeneo e suddiviso in molteplici spazi da vivere potenzialmente 365 giorni l’anno. L’idea è di un nuovo grande contenitore, di estensione pari a una volta e mezzo piazza Duomo, che contemplerà anche la presenza di una duna urbana e innovazioni tecnologie come le colonnine per ricaricare lo smartphone. A ridisegnare la “seconda vita“ di Tonfano è la bozza del progetto di riqualificazione (nella foto uno dei rendering) presentato nei giorni scorsi dall’ingegner Federico Musetti di Seravezza.

Il costo dell’operazione e la tempistica vanno ancora fissati in maniera chiara e definitiva, ma a una prima lettura il progetto prevede il mantenimento delle due strade laterali della piazza, con soppressione di quella centrale. La maxi-piazza, di quasi 7mila metri quadri, è stata suddivisa in otto spazi: installazioni per attività stagionali, verde urbano, installazioni artistiche e aree ludiche, un’area polifunzionale da destinare a mercati, fiere e mostre, e poi ancora giochi d’acqua, salotti d’ombra, una duna urbana e spazi turistico-ricettivi. Il ruolino di marcia prevede che il Comune realizzi innanzitutto la nuova piazza, dedicandosi in un secondo momento a via Donizetti in modo da cambiar volto all’intero asse che da piazza Villeparisis arriva fino al pontile. "La bozza del progetto verrà presentata a residenti e categorie – spiega il neo assessore ai lavori pubblici Matteo Marcucci (nella foto in alto) – ma posso già garantire che sarà una piazza d’impatto e multifunzionale, un luogo di ritrovo dedicato 365 giorni l’anno a residenti, turisti e attività. Daremo una spinta a quello che loro stessi ci stanno chiedendo. Noi ci siamo e mettiamo moto alle infrastrutture, poi dovranno essere le categorie a far vivere questi nuovi contenitori: il 2021 sarà l’anno delle piazze dato che oltre alla XXIV Maggio metteremo mano anche a piazza Carducci, piazza Oscar Perich a Strettoia e piazza Statuto lato Viareggio". Dopo aver elogiato il livello di qualità dell’offerta del territorio ("quest’estate abbiamo ’stracciato’ anche Forte dei Marmi"), Marcucci ricorda che il progetto, voluto dal sindaco Alberto Giovannetti, è stato concepito per poter ospitare concerti e altre manifestazioni: "Sarà una piazza moderna che svecchierà tutto il litorale".