La consegna del tablet alla Medicina di Barga
La consegna del tablet alla Medicina di Barga

Barga (Lucca), 22 febbraio 2021 –  La vicinanza di un familiare è importantissima nel momento della degenza in ospedale. Per questo motivo risulta più che mai prezioso il dono di un tablet da parte Lions Club Garfagnana, per consentire ai pazienti ricoverati nella struttura di Medicina dell'ospedale di Barga di restare collegati con il mondo esterno e soprattutto di potersi scambiare videomessaggi con i familiari.

Come già era stato fatto nel mese di dicembre per la struttura di Riabilitazione, il dispositivo è stato consegnato oggi, 22 febbraio, davanti all’ingresso principale del “San Francesco”, da Daniele Ballati, alla presenza di altri esponenti dei Lions tra i quali il presidente Quirino Fulceri. Hanno accolto la donazione per l’Asl il direttore della Medicina Giancarlo Tintori e la coordinatrice infermieristica Ianula Barbi. Il tablet servirà quindi ad avvicinare i pazienti ai propri cari, in un momento in cui i contatti delle persone ricoverate con i familiari sono stati resi molto difficili dall’emergenza Covid. La presenza in reparto di questi dispositivi produce infatti benefici di grande rilevanza per la salute dei pazienti, che possono finalmente comunicare con le persone a cui vogliono bene. Il dottor Tintori ha ringraziato i Lions sottolineando che questo strumento sarà importante e davvero utilissimo per i pazienti. Gli esponenti del Club hanno ribadito il piacere di svolgere servizi come questo a vantaggio di chi soffre. E’ stato anche annunciato che a livello intercomunale, con le sezioni di Lucca, di Pietrasanta e di Pescia, ci sarà presto una nuova donazione che vedrà coinvolti i Lions della Garfagnana: due elettrobisturi di ultima generazione che serviranno a supportare gli interventi chirurgici negli ospedali di Barga e di Castelnuovo Garfagnana, nei quali si svolge in questo periodo molta attività, trattandosi di ospedali no Covid. La donazione del tablet alla Medicina di Barga è stata possibile grazie anche all’interessamento di Carla Riani, fisioterapista dell’ospedale di Barga. 

Maurizio Costanzo