Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Cottarelli elenca i sette peccati capitali. E boccia l’eccesso di burocrazia

L’economisa al festival Economia e Spiritualità: "Mancavo da Lucca dal 1977" 

Ultimo aggiornamento il 10 settembre 2018 alle 20:40
Carlo Cottarelli al Festival (Alcide)

Lucca, 10 settembre 2018 - «Non venivo a Lucca dal 1977. L’ho trovata veramente una gran bella città». Si è concesso un amarcord personale Carlo Cottarelli, aprendo in anticipo sulla tabella di marcia, i lavori del Festival Economia e spiritualità che prosegue oggi, sabato e domenica in San Romano. Cottarelli ha spiegato che il suo arrivo a Lucca fu dettatto da ragioni sportive. «Ero studente in economia a Siena - ha raccontato - e partecipavo alle mezze maratone. Una gara si svolgeva a Lucca e per quella venni qui». In linea col tema del convegno, Cottarelli ha elencato i limiti della situazione contemporanea, riassunti nel libro ‘I sette peccati dell’economia italiana’.

Il Festival, che si è aperto con la partecipazione di oltre 300 persone, ha subito visto un confronto a tutto campo tra Cottarelli, ex commissario per la spending review e oggi direttore dell’Osservatorio della finanza pubblica dell’Università Cattolica, Vincenzo Scotti, ministro democristiano di lungo corso e presidente della Link Campus University, e Niccolò Branca, presidente e ad del Gruppo Branca. Pragmatico e rigoroso Cottarelli.

«Si può ricominciare a crescere in Italia - ha detto - facendo alcune cose, affrontando intanto i peccati capitali dell’economia: evasione fiscale, corruzione, eccessi di burocrazia, lentezza della giustizia civile, crollo demografico, divario tra nord e resto del paese, difficoltà a convivere con l’euro». Duro il giudizio sui costi della burocrazia. «L’eccesso di burocrazia - ha detto - ha un costo per le piccole e medie imprese italiane di 30 miliardi di euro, il 2% del Pil». Colpi di fioretto da Vincenzo Scotti che con garbo e determinazione ha marcato la distanza da Cottarelli. «Il peccato capitale dell’Italia è il rifiuto e la paura di cambiamento. L’Italia può ripartire dall’innovazione: dalla ricerca, dalla formazione dall’ambiente favorevole in cui ricerca e formazione si sviluppano».

Scotti ha espresso un giudizio durissimo «sul taglio lineare della spesa» e da europeista convinto «sull’idea che si governi l’Europa affidandosi a meccanismi di calcolo automatici».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.