Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
2 ago 2022
2 ago 2022

Centro invaso dai vandali "Servono le telecamere"

I cittadini di piazza XXIX Maggio scrivono al sindaco Marcello Pierucci per evidenziare le criticità dell’area appena riqualificata e sollecitare interventi

2 ago 2022
Piazza XXIX Maggio doveva essere il fiore all’occhiello del centro storico
Piazza XXIX Maggio doveva essere il fiore all’occhiello del centro storico
Piazza XXIX Maggio doveva essere il fiore all’occhiello del centro storico
Piazza XXIX Maggio doveva essere il fiore all’occhiello del centro storico
Piazza XXIX Maggio doveva essere il fiore all’occhiello del centro storico
Piazza XXIX Maggio doveva essere il fiore all’occhiello del centro storico

Raccolta di firme per la sicurezza della Piazza XXIX Maggio. Protestano residenti e commercianti per schiamazzi e atti vandalici e inviano una lettera al sindaco Marcello Pierucci. "Noi cittadini, a seguito dei ripetuti episodi di schiamazzi notturni, disturbo della quiete pubblica, raid vandalici e danni all’arredo urbano, alle attività commerciali e al Palazzo Littorio, chiediamo la vigilanza delle forze dell’ordine e l’installazione di telecamere per la videosorveglianza". Questo l’esordio della missiva che esprime il disappunto.

"Sul sito del Comune – proseguono i cittadini – si possono ancora leggere le belle parole spese in occasione dei lavori per la riqualificazione della Piazza. La nuova Piazza XXIX Maggio è un punto d’incontro di ubriachi, di ragazzi molesti e chiassosi, che corrono con motorini truccati, sporcano, giocano a pallone con i caschi, rompono i vetri dei palazzi e poi lanciano i vetri, tirano calci agli arredi urbani. Il cittadino, o il turista, che si trovi a passare di qui, dalla porta di accesso al centro storico, troverà la Piazza ostaggio di rumore, maleducazione e ignoranza".

Per far fronte a questa situazione, i cittadini invocano interventi. "Chiediamo una maggiore tutela della sicurezza, del decoro urbano e ambientale, la sorveglianza delle forze dell’ordine, per arginare in tempo tali fenomeni. Una gestione seria e coordinata, che miri al rispetto degli spazi pubblici, alla sicurezza, alla tutela del diritto al riposo, siamo certi sarebbe un bene per tutti". Niente a che vedere con un punto di incontro: bensì un coacervo di maleducati o peggio, su cui è necessario intervenire per offrire al centro storico il luogo promesso.

I.P.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?