Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Livorno Calcio, Facci è il nuovo direttore sportivo / Twitter

Siglato l'accordo tra Spinelli e Pecini, che rileverà il 20% occupandosi della parte tecnica. Primi passi della 'rinascita' amaranto

Ultimo aggiornamento il 28 giugno 2017 alle 23:26
Il ds Facci

Livorno, 28 giugno 2017 - Qualcosa si è mosso, per il Livorno Calcio. Anzi, più di qualcosa. È stato infatti siglato l’accordo tra la famiglia Spinelli e Nicola Pecini, che rileverà il 20% del Livorno occupandosi della parte tecnica della società amaranto. Ed è stato subito nominato come direttore sportivo Mauro Facci, con un lungo trascorso al Latina.

Il profilo del nuovo ds ha convinto subito Aldo e Roberto Spinelli. “Abbiamo scelto Mauro Facci come direttore sportivo – ci spiega l’amministratore delegato amaranto – perché ha maturato un’esperienza importante al Latina, una società che ha contribuito a portare dalla C2 alla Serie B mantenendola in cadetteria per 4 anni. Poi c’è stato un cambio di proprietà ed è andata male, ma ci è piaciuto perché è giovane, ha voglia di lavorare, ha entusiasmo, conosce bene la C e la B. Proprio la scarsa conoscenza della serie C non ci ha aiutato nella passata stagione”.

Confermato anche l’ingresso in società, con una quota del 20%, di Nicola Pecini. “Sì – afferma Roberto Spinelli –, entrerà con la sua società. Lo conosciamo da diversi anni, aveva alcune quote dell’Olhanense quando abbiamo mandato là Dionisi, Murilo e Bigazzi. Abbiamo grande fiducia nel suo lavoro”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.