Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

"Una libertà felice", doppia presentazione a Livorno del libro di Marco Pannella

Alle 14 lettura con i detenuti all'interno del carcere delle Sughere, poi l'incontro pubblico alle 17.30 alla Libreria Belforte

Ultimo aggiornamento il 6 maggio 2017 alle 10:18
La copertina del libro di Marco Pannella

Livorno, 6 maggio 2017 - A quasi un anno dalla morte (il primo anniversario sarà il 19 maggio) anche a Livorno viene ricordato Marco Pannnella con due iniziative previste per lunedì 8 maggio. Si tratta di una doppia presentazione del libro del leader storico del Partito radicale  "Una libertà felice. la mia vita", autobiografia raccolta da Matteo Angioli proprio negli ultimi mesi di vita di Pannella.

Il primo appuntamento, dal forte valore simbolico, sarà alle 14 nel carcere delle Sughere, ricordando insieme ai detenuti l'impegno di Pannella per migliorare le condizioni di chi è recluso o lavora nelle strutture penitenziarie. Il secondo, aperto al pubblico, è fissato per le 17.30 alla Libreria Belforte, in via Roma 69. Saranno presenti Andrea Raspanti, consigliere comunale ("Futuro!"), Rita Bernardini, coordinatrice della presidenza del Partito Radicale transnazionale; Alessandra Impallazzo (giornalista di Radio Radicale) e Matteo Angioli, curatore del libro.

In realtà, Pannella non aveva mai voluto scrivere un libro su di sé, ma è proprio Angioli che spiega il perché di questa pubblicazione:  “Un giorno ha smesso di sentirsi immortale, ha avvertito che la battaglia, la sua battaglia, poteva concludersi presto. D'un tratto, però, si è trovato anche al cospetto del passato e deve aver cominciato a osservarlo, come forse non aveva mai fatto prima. Eccolo, dunque, il suo libro. Ecco il senso delle pagine che abbiamo costruito con lui, parola più aggettivo meno, sensazione dopo sensazione, giornata dopo giornata. Non è stato facile, ma è stato meraviglioso”.  

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.