Una manifestazione per il lavoro

Piombino (Livorno), 29 settembre 2016 - Questa mattina è stato raggiunto e siglato l’accordo tra Aferpi (Piombino), Segreterie Fim-Fiom-Uilm e Coordinatori Rsu che sancisce a tutti i lavoratori ancora in cassa integrazione con la Ex Lucchini e la Ex Lucchini Servizi di passare il 1° novembre in Aferpi, tutti con il solo strumento della solidarietà come ammortizzatore sociale.

Già da oggi sono in partenza le prime telefonate per chiamare alle visite mediche i lavoratori. Si tratta di veder riassumere altri 719 lavoratori (per un totale di circa 2.130).

Dice Mirko Lami di Cgil Toscana: “Uno dei traguardi che il sindacato in stretta collaborazione con le Istruzioni, la Regione, la Provincia e il Comune si erano dati quel primo maggio del 2014. Adesso attendiamo il traguardo più importante: l'avvio della produzione di acciaio a Piombino con la nuova acciaieria, il forno elettrico e i treni di laminazione in un contesto nuovo che si intreccia con il nuovo porto e quindi la possibilità di non lasciare per strada anche i lavoratori dell'indotto. Traguardo che tutti noi vogliamo per riportare il lavoro e rilanciare un comprensorio articolato tra industria, turismo e servizi”.